Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Tenta rapina in pizzeria, arrestato dai carabinieri di Chiari

giovedì, 3 ottobre 2019

Iseo – Tenta una rapina, arrestato dai Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Chiari (Brescia). I militari hanno tratto in arresto un 42enne bresciano responsabile di tentata rapina. L’uomo, con il volto travisato da una sciarpa era entrato verso le 21, brandendo un coltello da cucina, presso una pizzeria situata lungo la tangenziale sud per impossessarsi dell’incasso. All’interno del locale oltre al titolare vi era un agente di polizia in borghese che ha immediatamente chiamato il 112 e poi unitamente al pizzaiolo ha atteso il momento propizio per disarmare e immobilizzare il malvivente. Alla prima distrazione i due hanno bloccato l’uomo e atteso pochi minuti per l’arrivo della pattuglia di Carabinieri che hanno preso in custodia l’improvvisato rapinatore.

I militari hanno quindi tratto in arresto l’uomo per il reato di tentata rapina a mano armata. Oggi all’esito del rito direttissimo il Giudice ha convalidato l’arresto e disposto la custodia presso la casa circondariale di Brescia.

Agente di commercio rapinato a Montichiari, arrestati due sinti

I carabinieri della stazione di Montichiari (Brescia), al termine di una complessa attività di indagine hanno tratto in arresto un 28enne ed un 19enne di origine sinti ritenuti responsabili di una rapina ai danni di un 62nne agente di commercio residente in città. La vittima intenzionato a vendere il proprio Porsche Macan si era rivolto ad un noto sito di annunci on-line ricevendo numerose proposte. Nel maggio del 2019 si era recato a Montichiari, nei pressi della fiera, per incontrare un acquirente. All’appuntamento c’erano due giovani, uno ben vestito e gentile l’altro alla guida di una Porsche Cayenne S. Durante la trattativa il giovane ha estratto una pistola e dopo essersi impossessato dell’orologio marca Rolex e 6mila euro in contanti sono entrambi fuggiti. L’uomo è quindi andato presso la Caserma dei Carabinieri dove ha raccontato la sua disavventura. I carabinieri hanno ricostruito il puzzle formato di piccolissime tessere e dopo diversi mesi hanno identificato i due responsabili riconosciuti anche dalla vittima. Di particolare importanza sono state le testimonianze di alcune persone presenti e le immagini della video sorveglianza cittadina. Il Giudice per le Indagini Preliminari di Brescia, concordando con le risultanze investigative, ha emesso un Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere per i due malviventi che sono state eseguite la scorsa notte dai Carabinieri di Montichiari.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136