Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Spaccio di droga, due arresti della Finanza di Trento

lunedì, 17 agosto 2020

Trento – Le unità cinofile della Guardia di Finanza di Trento proseguono incessantemente la loro opera di contrasto alla microcriminalità legata allo spaccio e al consumo di stupefacenti, vigilando i luoghi della città maggiormente riconosciuti come siti di smistamento e vendita delle sostanze stupefacenti per consumo personale e svolgendo una continua attività di indagine e di ricerca d’informazioni.

drI Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, dopo una serie di appostamenti, hanno individuato un soggetto italiano di 24 anni, B. A., intento a spacciare droga con la modalità della “consegna a domicilio”. Dopo aver fermato l’uomo, i militari procedevano, con l’ausilio dei cani antidroga Gabriel, Apiol e Nabuco, a perquisirne l’abitazione, all’interno della quale è stata rinvenuta una serra artigianale, ricavata all’interno di un armadio in tessuto, destinata alla coltivazione di marijuana e nel quale si trovavano, già interrate, due piante di marijuana. All’interno dell’appartamento la perquisizione ha consentito, inoltre, di individuare 1 chilo di sostanza stupefacente già pronta ad essere venduta.

L’italiano, pluripregiudicato, è risultato dopo ulteriori accertamenti essere sia beneficiario di reddito di cittadinanza che assegnatario di alloggio ITEA a canone minimo.

La droga ritrovata è stata sequestrata e lo spacciatore tratto in arresto e tradotto presso la casa circondariale di Trento in attesa di udienza di convalida.

Un’altra attività investigativa dei finanzieri ha permesso di individuare un soggetto tunisino di 38 anni, fortemente sospettato di spacciare sostanze stupefacenti perché visto spesso spostarsi continuamente, più volte al giorno, sia a piedi che in bicicletta dalla sua dimora verso le principali zone di spaccio cittadine.

Durante un servizio di appostamento i militari delle Fiamme Gialle sorprendevano l’extracomunitario nell’atto di cedere della droga ad alcuni clienti. Immediatamente sottoposto a controllo da parte dei Finanzieri, il tunisino, che è risultato dagli accertamenti alle banche dati di polizia attivati mediante la Sala Operativa avere già alcuni precedenti specifici, è stato decisamente puntato dal fiuto dei cani antidroga Nabuco e Gabriel. Si è proceduto, quindi, ad effettuare una perquisizione domiciliare e personale che ha smascherato l’extracomunitario: presso la sua dimora, ricavata nell’abitazione di un cittadino italiano assegnatario di alloggio ITEA a canone minimo e percipiente di reddito di cittadinanza, sono state rinvenute circa 21 dosi di eroina già confezionate e pronte alla vendita.

La droga rinvenuta è stata sequestrata ed il tunisino A.C., irregolare sul territorio italiano, è stato immediatamente arrestato e tradotto presso la casa circondariale di Trento in attesa di udienza di convalida.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136