Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Riva del Garda, crescono gli interventi della Polizia di Stato in acqua

venerdì, 11 settembre 2020

Riva del Garda – Deciso aumento dei soccorsi sul lago di Garda della Polizia di Stato. Nel solo mese di agosto sono stati più di 50 i soccorsi della Squadra Acque Interne della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di Polizia di Stato di Riva del Garda (Trento). L’incremento degli interventi, in parte dovuto alla maggiore affluenza dei turisti e dei diportisti, è da addebitare, soprattutto, all’instabilità del clima che spesso ha colto impreparati gli utenti che navigavano sulle acque del Lago.

riva lago garda ok gdvIn particolare, mentre era in atto una regata zonale di circa 30 imbarcazioni classe 29er, nel centro Lago, al confine tra Trentino e Veneto, improvvisamente si abbatteva un fortunale con pioggia battente e raffiche di vento, che faceva scuffiare tutte le imbarcazioni presenti scaraventando gli equipaggi in acqua. La presenza della Squadra Acque Interne e di molti gommoni dell’organizzazione permetteva di intervenire tempestivamente per portare in salvo tutti i partecipanti e porre le imbarcazioni in zone sicure. Nell’occasione diversi natanti hanno subito danni importanti come la rottura dell’albero o delle vele.

A seguito dei noti eventi atmosferici, è stato prestato ausilio ai Vigili del Fuoco che stavano svolgendo l’importante e impegnativo intervento per arginare e rimuovere il legname ed i detriti portati dal fiume Sarca. Malgrado i numerosi mezzi di soccorso in acqua molti surfisti e diportisti, incuranti degli oggetti che affioravano e del pericolo delle correnti, tentavano di avvicinarsi in quell’area interessata dal fenomeno dello sfogo del fiume. Nell’occasione, significativa è stata la collaborazione della Squadra Acqua Interne con l’organizzazione dei soccorsi coordinata dai Vigili del Fuoco, che permetteva il regolare svolgimento delle manovre di recupero, tenendo lontani i curiosi serfisti.

“Con l’occasione – commenta il vice Questore Salvatore Ascione, dirigente del Commissariato di Polizia di Stato di Riva del Garda, rivolgendosi a tutti gli ospiti ed ai residenti di questo splendido luogo – si ricorda di non sottovalutare mai la l’intensità dei venti del lago di Garda. La loro forza è tale che possono provocare onde alte alcuni metri costituendo un pericolo anche per marinai esperti. Per questo motivo bisogna consultare sempre le previsioni meteorologiche prima di intraprendere la navigazione, affinché il tempo non costituisca un pericolo inatteso”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136