Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Rapine a mano armata in città, la Polizia arresta una coppia a Trento

venerdì, 24 luglio 2020

Trento – All’alba di questa mattina la Squadra Mobile, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trento, ha arrestato due italiani, un uomo ed una donna, rispettivamente di 36 e 35 anni, conviventi, originari di Bari ma residenti a Meano, autori di due tentate rapine commesse, a distanza di tre giorni l’una dall’altra, nel mese di febbraio in zona Gardolo e  nei pressi dell’Ospedale di Trento.

Nella serata del 20 febbraio di quest’anno i due rapinatori, incappucciati, sono piombati alle spalle di due ragazzi intenti a prelevare del denaro da uno sportello bancomat, ubicato in piazza della Libertà, nella zona nord di Trento.

In particolare, l’uomo ha puntato una pistola semiautomatica, priva di tappo rosso, risultata solo successivamente a salve, ma perfettamente identica ad una vera, al volto di uno dei due giovani, intimandogli di accovacciarsi. Allo stesso modo la donna, anch’essa armata di un pistola tipo “replica” di un revolver, ha spinto la canna della pistola nel fianco del ragazzo intento a prelevare il denaro. Quest’ultimo, paralizzato dalla paura, non è riuscito a completare le operazioni di prelievo, scatenando le ire del rapinatore che ha esploso dei colpi in aria. A questo punto le vittime della rapina, approfittando di una attimo di distrazione dei due rapinatori, sono scappati.

Tre giorni dopo i due hanno tentato un’altra rapina, questa volta nei pressi del locale nosocomio. Anche in questo caso si sono avvicinati alle spalle della vittima, un uomo di nazionalità albanese che stava prelevando da uno sportello bancomat,  travisati da un passamontagna, pistole in pugno, puntando l’arma sulla spalla della vittima, ordinandogli di consegnargli il denaro.

Tuttavia il cittadino dell’est non si è dato per vinto ed ha reagito, riuscendo a disarmare il rapinatore ed a fuggire, non prima di aver intrapreso una colluttazione con quest’ultimo. Dal corpo a corpo con il rapinatore, la vittima ha subito alcune contusioni agli arti superiori nonché alla schiena.

Il giorno dopo le rapine subite, ciascuna delle vittime si è presentata presso la Questura di Trento per denunciare quanto accaduto. Dalle identiche modalità con cui sono avvenute le tentate rapine, gli investigatori della Squadra Mobile si sono convinti si trattasse degli stessi autori.

La ricognizione dei sistemi di videosorveglianza presenti a Gardolo e nei pressi dell’Ospedale ha permesso di rilevare, in entrambi gli episodi, la presenza di una macchina di colore griglio, di cui è stato possibile rilevare soltanto i primi due numeri di targa.

La svolta delle indagini è avvenuta alla fine del mese di giugno, allorché la Squadra Mobile ha perquisito l’abitazione dei due rapinatori in zona Cortesano, sequestrando una moltitudine di armi prive di tappo rosso. Ma repliche di 7 pistole semi automatiche ed automatiche nonché un fucile a pompa calibro 12, tre coltelli, di cui due a serramanico ed uno lungo circa 30 centimetri, ed un centinaio di proiettili a salve.

poliziaInoltre nell’abitazione è stato trovato anche un passamontagna, rivelatosi indossato dall’uomo che ha tentato di rapinare i due giovani in zona Gardolo. Inoltre, una volta avuta la possibilità di vedere a volto scoperto i due rapinatori, è stato possibile svolgere comparazioni fisionomiche che hanno permesso di stabilire una piena compatibilità tra i volti travisati dei rapinatori e quelli di due giovani perquisiti a Cortesano. Gli indizi così raccolti sono stati sottoposti all’attenzione della Procura della repubblica di Trento che si è determinata per richiedere al Giudice per le Indagini Preliminari di Trento l’emissione di due custodie cautelari in carcere, eseguite questa mattina.

Episodi come quelli scoperti questa mattina sono gravi perché destano un grave allarme sociale. Ma è da sottolineare anche la tempestività e puntualità con la quale gli stessi episodi sono stati scoperti, grazie ad una perfetta sinergia tra l’attività investigativa e di controllo del territorio messa in campo dalla Polizia di Stato”, con questa parole il Questore Cracovia ha voluto commentare gli arresti di oggi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136