Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Operazione “Reticolo”: chieste 20 condanne per lo spaccio in Valle Camonica

mercoledì, 22 gennaio 2020

Pian Camuno – Operazione “Reticolo” e spaccio in Valle Camonica, chieste 20 condanne per più di 150 anni di carcere. E’ quanto avanzato dal Pm dell’Antimafia di Brescia Paolo Savio nei confronti della banda accusata di associazione a delinquere, narcotraffico e detenzione illegale di armi.

Nel novembre di due anni fa il blitz dei carabinieri della Compagnia di Breno (Brescia) e Clusone (Bergamo) portò all’arresto di trenta persone con il sequestro di 120 chili di droga (60 chili di marijuana, oltre 50 di hashish, 12 di eroina, due di cocaina, oltre a oppio, morfina e Mdma) e 3 armi.

tribunale BresciaSecondo l’accusa, condotta dal Pm Paolo Savio, l’associazione italo albanese aveva la base di spaccio nella zona di Pian Camuno (Brescia) e al termine della requisitoria il Pm dell’Antimafia ha chiesto al Gup Giulia Costantino la condanna per 20 imputati e  l’assoluzione per altri. Le principali richieste: 17 anni e 4 mesi per Saimir e Taulant Sallaku, 16 anni per Alessandro Giorgi e il figlio Denis, 14 anni per Mirand Shehi, 12 anni per Claudio Vangelisti, 9 anni e 4 mesi  nei confronti di Roland Tusha, Agim e Enkelejed Bejko. Chieste pene minori per gli altri imputati. Ora la parola passa ai difensori degli imputati nell’udienza del 29 gennaio, mentre il 5 febbraio è attesa la sentenza.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136