Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Merano: i carabinieri arrestano ladro di biciclette

venerdì, 10 luglio 2020

Merano – Ruba bicicletta elettrica e aggredisce i carabinieri: arrestato dai carabinieri. I militari delle Stazioni di Cermes e Postal hanno arrestato un uomo accusato dei reati di furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale, false dichiarazioni e porto di oggetti atti a offendere.

Nel pomeriggio dell’altro ieri, intorno alle 17, presso un bar di Josef Speckbacher Straße, un avventore è entrato lasciando fuori la propria bicicletta elettrica incustodita. Uscendo subito dopo ha amaramente scoperto di averne subito il furto.

Immediata la chiamata al numero unico europeo di pronto intervento 112 e il conseguente arrivo dei carabinieri di Merano. I militari dell’Arma hanno visionato le immagini dell’impianto di videosorveglianza e hanno visto che la costosa “e-bike” (del valore di seimila euro) era stata rubata da un uomo. Immediatamente sono state diramate le ricerche a tutte le pattuglie su Merano con la descrizione dell’autore del reato.

Pochi minuti dopo, nei pressi del cimitero, a meno di un chilometro dal bar, è stato rintracciato il ladro, ancora in sella alla bici. Il conduttore da subito non era apparso pienamente in sé, probabilmente per l’assunzione di droga. Alla richiesta dei propri dati anagrafici ha anche dichiarato una falsa residenza. Ha minacciato i militari e si è aggressivamente opposto al controllo tanto da rendere necessario l’intervento di una seconda pattuglia. Infine i militari sono riusciti ad accompagnarlo in caserma e sottoporlo a rilievi foto-dattiloscopici. Nella perquisizione hanno anche trovato un coltello a serramanico dalla lama di otto centimetri che è stato sequestrato.

Identificato in un 29enne albanese clandestino in Italia senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine quale soggetto violento e rissaiolo, il ladro di biciclette è stato dichiarato in stato di arresto e accompagnato al carcere di Bolzano in attesa di convalida dell’arresto.

La bicicletta è stata restituita al proprietario, felice di averla riavuta, cui è stato raccomandato per il futuro di chiuderla con il lucchetto quando la lascia in giro incustodita.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136