Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


In Alto Adige multati 193 autisti, uno sfrecciava a 166 km/h

martedì, 17 novembre 2020

Bolzano – Potenziati i controlli sulle strade altoatesine. Nell’attuale emergenza Covid-19, prosegue incessante l’attività della Polizia Stradale della Sezione di Bolzano da un lato, al fine di prevenire e contrastare l’inosservanza delle regole del Codice della Strada e, dall’altro, per vegliare altresì sul rispetto delle misure anticontagio.

polizia stradaleUna pattuglia della Sottosezione della polizia stradale di Vipiteno (Bolzano) ha sanzionato due coppie di persone, le quali venivano fermate prive di valida motivazione, al di fuori del proprio Comune di residenza. Ciascuna delle quattro persone veniva identificata e riceveva una sanzione amministrativa pecuniaria pari a 533,33 euro.

Invece l’altra notte, sempre una pattuglia della Sottosezione di Vipiteno, nel corso di un’attività di vigilanza nell’area di servizio Isarco sull’autostrada A22 ha individuato in uno dei servizi igienici un giovane sdraiato per terra intento a dormire, il quale, svegliato dagli operatori, risultava privo di documento di identificazione. Veniva pertanto accompagnato presso gli Uffici della Questura di Bolzano, dove si eseguivano i rilievi fotodattiloscopici, grazie ai quali si consentiva di risalire all’identità del giovane, che si scopriva, infine, essere cittadino afgano di 21 anni.

Inoltre sono state elevate 193 infrazioni del Codice della strada. Nell’ambito dei controlli delle pattuglie della Sezione e relativi reparti, in particolare avendo riguardo ai controlli di velocità effettuati in ambito autostradale, veniva sanzionato un utente, il quale viaggiava in A22 lanciato alla velocità di ben 166 km/h, quando il limite previsto era di 110 km/h.

L’utente, classe 1962, che risultava essere, tra l’altro, autorizzato alla guida di un’autovettura con targa prova, ha ricevuto una sanzione amministrativa pecuniaria di 544 euro. In arrivo per lui, oltre alla decurtazione di sei punti, la sospensione della patente di guida.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136