Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Coronavirus: a Sondalo tre morti, cinque ricoveri e otto dimissioni

giovedì, 30 aprile 2020

Sondalo – Altri tre morti all’ospedale di Sondalo. La pressione sul Morelli ospedale covid-19 scende: oggi risultano ricoverati 124 pazienti, 65 donne e 59 uomini. Ma i dati aggiornati a questa mattina alle 10 evidenziano purtroppo tre decessi, due donne e un uomo, e cinque ricoveri, tutte donne. Una tendenza, quella dell’aumento delle pazienti donne, che si rafforza in questi giorni, seppure il divario nei decessi rimanga molto ampio: dal 2 marzo scorso al Morelli sono morti 103 uomini e 36 donne. Sul fronte dei tamponi ieri ne sono stati effettuati quasi 200, con una lieve prevalenza delle donne sugli uomini. Dai risultati resi noti relativi a test dei giorni precedenti si evidenziano 26 positivi, un numero ancora alto, seppure soltanto in parte riferibile a nuovi contagi e a fronte di 178 negativi.

sondaloLa buona notizia si riferisce alle otto dimissioni, quattro uomini e quattro donne, pazienti che hanno superato la fase acuta della malattia e che si stanno riprendendo ma che rimangono positivi, dunque contagiosi. Queste persone sono obbligate all’isolamento ma possono scegliere se trascorrere il periodo di tempo fino a quando risulteranno negative a due tamponi a casa, in presenza delle necessarie condizioni, o presso il reparto di Degenza di sorveglianza aperto al padiglione 4 del Morelli. A coloro i quali tornano a casa, potendo contare sull’assistenza e sulla disponibilità di una camera e un bagno per isolarsi dal resto della famiglia, viene consegnato uno speciale kit contenente guanti, mascherine, liquido igienizzante e un saturimetro predisposto da Asst e Ats Montagna.

Le persone vengono seguite quotidianamente dall’Ufficio dimissioni protette attivato da circa un mese dall’Asst: ad oggi sono 80 quelle in carico, ma si è arrivati fino a 150. A seguito della guarigione 70 sono uscite dal programma. Tutte possono contare sul supporto e sull’assistenza telefonica di due operatrici che si sincerano delle loro condizioni di salute, rispondono alle domande e, in caso di necessità, risolvono eventuali problemi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136