Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Controlli della Polizia di Trento: oltre cento identificati

lunedì, 15 giugno 2020

Trento – In Trentino continuano i controlli contro la criminalità diffusa ed il degrado voluti dal Questore Cracovia. Nel fine settimana a seguito dei numerosi servizi di controllo del territorio la Polizia di Trento ha identificato oltre cento persone e controllati diversi esercizi pubblici. L’aumento dei controlli, finalizzato ad evitare sia gli assembramenti che forme di criminalità diffusa, ha portato alla denuncia di uno straniero per inosservanza al divieto di ritorno nel comune di Trento.

poliziaNel corso delle giornate diversi, inoltre, sono stati gli interventi della volante per dirimere liti, prevalentemente tra giovani, causate dall’eccesso di alcol e dall’esuberanza dell’età. Proprio a causa di questi fattori che il personale della Volante è dovuto intervenire nel parco delle “Albere” dove, nel pieno del pomeriggio, alcuni stranieri avevano importunato alcune ragazze. I giovani che si erano allontanati prima dell’arrivo degli Agenti, sono stati rintracciati ed identificati.

“Il termine del lockdown, la fine dell’anno scolastico e l’inizio dell’estate ha portato molti giovani gioiosi nelle piazze e nei parchi. Alcuni di questi, purtroppo – commenta Salvatore Ascione, portavoce del Questore – si sono abbandonati all’eccesso e ad intemperanze. La Polizia di Stato, pur comprendendo che alcuni comportamenti possono essere goliardici, ricorda a tutti i giovani, che seppur minori, possono incorrere in responsabilità penali, a volte anche gravi, che potrebbero segnare in maniera significativa sia la vita delle vittime del reato che quella dello stesso autore”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136