Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Controlli della Polizia di Stato a Trento

mercoledì, 29 luglio 2020

Trento – Controlli a tappeto della Questura a Trento contro lo spaccio di stupefacenti e l’immigrazione irregolare. Un centinaio le persone controllate nei primi giorni della settimana a Trento durante i controlli del territorio voluti dal questore Claudio Cracovia per garantire tranquillità ai cittadini anche nel periodo estivo.

polizia Trento 1Il personale della Questura, con l’ausilio di personale distaccato del Reparto Prevenzione Crimine di Milano e della Polizia Locale di Trento, ha effettuato numerosi controlli nelle piazze e nelle vie del centro, della stazione ferroviaria e dei parchi pubblici. Le attività di prevenzione hanno consentito la denuncia a piede libero di uno straniero della Nigeria, pluripregiudicato, trovato in possesso di 12 confezioni di carta stagnola contenenti eroina, per un peso di circa 3 grammi, pronte per essere spacciate sulla piazza trentina. L’uomo era in possesso, inoltre, di circa 170 euro in banconote da 20, 10 e 5 euro.

Inoltre sono stati identificati due stranieri, uno interessato da rigetto del rinnovo del permesso di soggiorno emesso dalla Questura di Trento e uno interessato da notifica atti della Questura di Milano (già noto per problemi psichici e per numerosi precedenti penali). I controlli proseguiranno per tutta l’estate. In aggiunta a ciò, nella mattinata del 29 luglio 2020, personale della Squadra Mobile di Trento, ha eseguito un’ordinanza per la carcerazione di un marocchino domiciliato a Trento, per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Al termine degli adempimenti di rito l’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Trento.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136