Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Blitz anti-spaccio in Trentino, 38enne arrestato dalla Polizia a Rovereto

mercoledì, 10 giugno 2020

Trento – In Trentino continuano con importanti risultati i controlli contro lo spaccio di sostanze stupefacenti voluti dal Questore Cracovia. Questa notte la Squadra Volante del Commissariato di Riva del Garda e di Rovereto nel corso delle attività di contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti hanno arrestato uno straniero E. M. del 1982, residente in Trentino con oltre 200 grammi di droga.

poliziaIl personale dei commissariati verso le 1.45, presso il casello autostradale di Rovereto Nord, nell’ambito dei controlli delle tratte autostradali ovvero delle strade di maggiore percorrenza, hanno fermato una autovettura che proveniva da Verona; all’atto del controllo è emerso una insolita preoccupazione dell’autista del mezzo, che era accompagnato da moglie e figli. Dalla successiva ispezione del bagagliaio è emerso che trasportava circa 200 grammi di hashish confezionato in due distinti panetti.

Benchè l’uomo non abbia fornito alcuna collaborazione la quantità sequestrata e il tipo di stupefacente potrebbe far pensare, anche, ad uno spaccio per il termine dell’anno scolastico.

“Il controllo del territorio e le conseguenti attività di prevenzione, intensificate, dopo il lockdown, dal Questore Cracovia, - commenta il Dirigente del Commissariato di Riva del Garda Salvatore Ascione -, rappresentano il punto di partenza per tutte le azioni di contrasto delle attività criminali. L’arresto della Volante, conferma, non solo l’importanza del lavoro svolto, ma come siano strategiche le azioni di contrasto contro lo spaccio di stupefacenti, soprattutto per quelle sostanze leggere, di maggiore accesso per i giovani. Su di loro, infatti, si concentra il lavoro della Polizia di Stato che ha come obiettivo quello di cercare di contrastare in tutti i modi la diffusione degli stupefacenti ed in particolare quelle che maggiormente possono rappresentare l’ingresso dei giovani nel terribile mondo della droga”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136