Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento: l’avvocato Baracetti candidato sindaco della “Coalizione del Cambiamento”

venerdì, 7 febbraio 2020

Trento – Il centrodestra ha scelto il candidato sindaco per la città di Trento. L’avvocato Alessandro Baracetti sarà il candidato sindaco per la “Coalizione del Cambiamento” e punta a dare una svolta storica al comune di Trento dopo che nell’ottobre del 2018 la coalizione ha portato Maurizio Fugatti a diventare Presidente della Provincia Autonoma di Trento.

Il nome del giurista, classe 1970, sposato e padre di un bambino, e già in passato impegnato a sostegno di giovani, donne e famiglie, è stato scelto dalle forze della coalizione poiché ritenuto il giusto emblema di quella serietà di cambiamento richiesta dagli abitanti di Trento dopo oltre 20 anni di immobilismo del centrosinistra.

Un cambiamento che punta su una figura che si pone in antitesi al centrosinistra. Nei prossimi giorni la coalizione presenterà il programma di coalizione e il piano per rilanciare Trento verso il prossimo decennio.

LE REAZIONI

“Esprimo particolare apprezzamento per la scelta effettuata dalla coalizione popolare autonomista per il cambiamento di convergere sul nome di Alessandro Baracetti come candidato sindaco per la città di Trento. Questa scelta ci ha permesso da un lato di dare una risposta a coloro che ritenevano fossimo in stato confusionale e incapaci di scegliere un candidato condiviso. Dall’altro, ci consente di iniziare la campagna elettorale nella piena consapevolezza di aver scelto un candidato moderato, esterno al mondo partitico, che – in caso di elezione – potrà essere il rappresentante di tutta la città, e non solo di coloro che lo avranno votato, senza essere ostaggio delle falangi estremiste che a tutt’oggi condizionano le politiche sulla città di Trento e i mancati interventi.
Il nome di Baracetti, contrariamente a quello che la sinistra vorrebbe far pensare alla cittadinanza, era sul tavolo della colazione da tempo e – a differenza di altri nomi, pur con un profilo elevato e di spessore, che ringraziamo per la disponibilità – è rimasto al coperto, fino ad oggi.
Sono contento perché la nostra coalizione ha scelto un lavoratore e un padre di famiglia che ha sempre vissuto Trento da semplice cittadino, e che ora si è reso disponibile per amministrarla. Noi di AGIRE per il Trentino crediamo che con Alessandro Baracetti riusciremo a creare un’ottima squadra di amministratori, in grado da un lato di sbloccare la città dall’immobilismo “andreattiano” (le dichiarazioni presenti sulla stampa odierna del candidato Ianeselli che si autodefinisce “andreattiano” dovrebbero essere garanzia di continuità, nell’inefficienza) e dall’altra di restituire alla città la sicurezza e la tranquillità che essa si merita”, dichiara il consigliere Claudio Cia (Agire per il Trentino).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136