Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento, interrogazione del PATT sul piano di efficientamento dell’Apss

lunedì, 7 ottobre 2019

Trento – Il piano di efficientamento dell’Apss, è stato predisposto? Cosa contiene?. Depositata dal gruppo consiliare PATT a prima firma del consigliere Ugo Rossi.

“Nel mese di maggio 2019 esplodeva il “caso” dei 120 milioni di tagli alla sanità trentina. In una lettera l’assessora alla salute avrebbe inviato alla direzione dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, nella quale si indicava di predisporre un Piano di efficientamento al fine di conseguire obiettivi di razionalizzazione della spesa e conseguenti risparmi. Ne scaturirono numerose interrogazioni, prese di posizione che portarono ad un articolato dibattito in sede di comunicazioni della Giunta in Consiglio provinciale.

Nel corso del dibattito l’assessora Segnana, rispondendo alla domanda di chiarimento di alcuni colleghi consiglieri dava conferma dell’esistenza della lettera, affrontandone nella risposta i vari contenuti della stessa.

Da notare che peraltro, nonostante la esplicita richiesta di poter visionare la lettera, sia l’assessora Segnana che il Presidente Fugatti risposero che non l’avrebbero consegnata. E così è stato.

Avvicinandosi ora il periodo in cui si predisporrà la legge di bilancio della Provincia risulta determinante e quindi necessario poter conoscere formalmente i contenuti di tale comunicazione e i contenuti del piano di efficientamento che l’Azienda Sanitaria avrebbe dovuto predisporre secondo richiesta dell’assessora Segnana.

Questo perché la sanità impegna circa un quarto delle risorse di bilancio.

Pertanto,

si interroga il Presidente della Provincia per conoscere

1. se non si ritenga doveroso, e in tal caso si provveda con tempestività, a pubblicare la lettera con cui si chiedeva all’APSS di produrre il piano di efficientamento;

2. se è stato predisposto il piano di efficientamento della sanità trentina come da richiesta dell’assessore Segnana;

3. quali sono i contenuti di detto piano e se non si ritenga di doverli rendere pubblici.

A norma di regolamento si richiede risposta scritta”

Consiglieri Ugo Rossi, Michele Dallapiccola, Paola Demagri e Lorenzo Ossanna



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136