Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento: il tema delle barriere architettoniche nelle serate di interAgire

domenica, 22 settembre 2019

Trento – Nel corso delle prime due serate di “interAGIRE” (il tour delle Circoscrizioni del Comune di Trento organizzato da AGIRE per il Trentino per presentare i propri referenti di zona e ascoltare le principali problematiche al fine di costruire un programma per le elezioni comunali 2020 basato sui bisogni dei cittadini) un tema emerso con ricorrenza è legato all’eliminazione delle barriere architettoniche che, ogni giorno, impediscono a centinaia di cittadini di vivere e di godere appieno delle opportunità che la città di Trento ha da offrire.

“Fin dalla sua costituzione, il nostro movimento ha sempre avuto una particolare sensibilità nei confronti dei temi riguardanti la disabilità e lo sbarrieramento architettonico.

Per questo motivo, la nostra proposta, che speriamo venga colta dall’attuale Giunta comunale, è quella di inserire all’interno delle Commissioni di edilizia (pubblica e privata) del Comune di Trento una persona esperta in materia di eliminazione delle barriere architettoniche, la quale possa fornire un parere – vincolante – sui progetti. In questo modo sarebbe possibile evitare clamorosi errori che conducono alla realizzazione di opere discriminanti tra cittadini di serie A e di serie B.

La questione non riguarda solamente le persone con disabilità o costrette all’utilizzo di una sedia a rotelle ma va a beneficio dell’intera collettività. Si pensi per un attimo alla popolazione anziana – in costante aumento – e alle conseguenti difficoltà motorie oppure alle famiglie con figli, anche l’utilizzo di passeggini è difficoltoso in presenza di barriere architettoniche”, commenta Sandro Bordignon, vice-segretario politico di AGIRE per il Trentino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136