Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento, appalto portierato: sentenza a favore dei lavoratori

venerdì, 4 ottobre 2019

Trento – Appalto portierato, importante sentenza per la tutela dei lavoratori. Cgil: si conferma l’interpretazione autentica della clausola sociale rafforzata. Adesso si inserisca nel disegno di legge la contrattazione preventiva-

“La sentenza sul ricorso sollevato dalla Uiltucs per l’appalto del portierato dell’Università è una decisione importante, che conferma ancora una volta la linea tenuta dal sindacato: in appalti ad alta intensità di manodopera, di fronte ad una base d’asta congrua e continuità organizzativa, i lavoratori passano da un gestore all’altro senza mutare condizioni di lavoro. Si applica dunque la clausola sociale rafforzata come previsto dalla legge provinciale, nella sua interpretazione originale e dunque di massima garanzia per i lavoratori”. Lo dicono Franco Ianeselli e Maurizio Zabbeni, rispettivamente segretario generale della Cgil e rappresentante della Confederazione al Tavolo provinciale per gli appalti. E’ la terza sentenza di questo tipo sul nostro territorio in materia di appalti pubblici per servizi “labour intensive” che fissa un principio fondamentale, ovvero che ci deve essere un tavolo di trattativa preventiva con il sindacato. Allo stesso tempo sancisce che anche in questo caso c’è continuità del rapporto di lavoro e non può esserci licenziamento e riassunzione degli addetti, peraltro a condizioni peggiorative stabilite unilateralmente.

La sentenza riconosce la cessione del ramo d’azienda conferma che l’inserimento nel bando di gara del portierato dell’ormai famoso “comma 4” sulla clausola sociale andava letto come mantenimento delle condizioni di inquadramento e retributive. Un’interpretazione sempre sostenuta dai sindacati e confermata, a maggiore chiarezza, anche nel disegno di legge della giunta provinciale. Non da Apac, però, per quello specifico appalto.

Adesso, però, serve un ulteriore importante passaggio: prevedere la contrattazione d’anticipo sugli appalti di questa tipologia. Il giudice lo ribadisce, le organizzazioni dei lavoratori lo chiedono da tempo: i sindacati vanno coinvolti in fase preventiva, nella stesura dei bandi. “Chiediamo che la contrattazione preventiva venga inserita in legge, anche per evitare ulteriori contenziosi. E’ chiaro, infatti, che anche alla luce di questa sentenza Apac e la Provincia dovranno fare le proprie valutazioni in merito anche alle gare già in essere. L’appalto del portierato era, infatti, uno dei 12 lotti della maxi gara sulle pulizie”, ricordano Ianeselli e Zabbeni.

Per quanto riguarda l’appalto del portierato anche la Cgil ha avviato una vertenza legale a sostegno dei lavoratori e delle lavoratrici, ma su presupposti giuridici diversi, che se riconosciuti sancirebbero ulteriormente la corretta interpretazione della clausola sociale rafforzata in questa tipologia di appalti. L’istruttoria è in fase di conclusione e il ricorso dovrebbe essere depositato entro la fine del mese.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136