Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Trento, Adunata Alpini: l’abbraccio al presidente Mattarella. VIDEO

domenica, 13 maggio 2018

Trento – La città di Trento invasa dalla penne nere, oltre 300mila in piazza e altre migliaia pronte allo sfilamento che si concluderà nel tardo pomeriggio. La giornata si è aperta alle 9.15 con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che è stato salutato dal picchetto d’onore e ha deposto una corona al monumento dei caduti austriaci, poi ha raggiunto il sacrario dei caduti italiani per deporre un’altra corona, quindi il momento più importante della giornata in piazza Dante (nel video).

Alle due cerimonie erano presenti con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, la presidente del senato Elisabetta Casellati, il presidente degli alpini di Trento, Maurizio Pinamonti, il Console austro ungarico Wolfgang Spadinger, il ministro della difesa Roberta Pinotti, il capo dello Stato maggiore dell’esercito Claudio Graziano, e il presidente della provincia autonoma di Trento Ugo Rossi.

La sfilata è iniziata alla 9.45, con l’apertura da parte della 1^ Fanfara Militare, seguita dai Reparti Alpini di formazione con Bandiera, gruppi ufficiali e sottufficiali delle Truppe Alpine in servizio, gonfaloni di Regione, Provincia di Trento, Comune di Trento; altri Gonfaloni della Provincia di Trento e dei Comuni trentini con i sindaci presenti con tanto di fascia tricolore, Stendardo Istituto Nastro Azzurro, Stendardo Unirr, Labari Associazioni d’Arma, Rappresentanza Croce Nera con fanfara, Rappresentanza Crocerossine, Rappresentanza equipaggio Nave Alpino, Rappresentanza atleti paralimpici alpini, quindi la 2^ Fanfara militare, Labaro dell’Associazione Nazionale Alpini, Alpini decorati, mutilati e invalidi su automezzi, Premio fedeltà alla montagna e striscione Alpiniadi, Rappresentanza Ifms e militari stranieri, Centro Coordinamento Interventi Operativi e Ospedale da Campo Ana e Squadra sanitaria (video sotto).

Alle 10.15 il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è tornato in piazza Dante e assistito al passaggio delle frecce tricolori e della sfilata dei vari gruppi. Presenti sul palco d’onore, accanto a Sergio Mattarella, la presidente Elisabetta Casellati, il Console austro-ungarico Wolfgang Spadinger, il ministro della difesa Roberta Pinotti, il capo dello Stato maggiore dell’esercito Claudio Graziano, il presidente della provincia autonoma di Trento Ugo Rossi, il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, il vicepresidente della Regione, Lorenzo Ossana, il vescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, il prefetto Pasquale Gioffré e il presidente nazionale degli alpini, Sebastiano Favero. Tra le autorità presenti, i parlamentari trentini Maurizio Fugatti, Micaela Biancofiore, Donatella Conzatti, l’ex ministro Carlo Giovanardi e Franco Panizza, segretario del Patt, il presidente della Provincia di Brescia, Pierluigi Mottinelli, con accanto il presidente della sezione Ana Valcamonica, Mario Sala, quindi gli assessori trentini. Mauro Gilmozzi e Tiziano Mellarini, il consigliere Claudio Cia e decine di amministratori locali.

Alle 11.30 il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha salutato il picchetto d’onore, gli alpini, le autorità e la folla presente per far ritorno nella capitale.

VIDEO

L’ONORE A TUTTI I CADUTI

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha reso omaggio oggi a Trento ai caduti della Grande Guerra di entrambi gli schieramenti, portando così nell’ultimo giorno dell’Adunata degli Alpini una forte testimonianza della supremazia dei valori della pace e della fratellanza fra i popoli, in particolare tra quelli che sono stati accumunati dalle sofferenze e dagli orrori dei conflitti. Dal Doss Trento, da cui ha reso omaggio alla tomba di Cesare Battisti, il capo dello Stato si è recato al cimitero monumentale, dove ha deposto corone alla memoria dei caduti di entrambi gli schieramenti.

Accompagnavano Sergio Mattarella Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato della Repubblica, Roberta Pinotti, Ministro della Difesa, il capo di Stato maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, il governatore del Trentino, Ugo Rossi e il sindaco di Trento Alessandro Andreatta.

Presenti anche il Console Generale d’Austria Wolfgang Spadinger e il vicepresidente nazionale della Croce Nera austriaca Walter Murauer con il suo rappresentante in Italia Mario Eichta (la Croce Nera collabora con il Ministero della Difesa austriaco allo scopo di mantenere viva la memoria dei militari caduti nei conflitti mondiali), a testimoniare che le ferite e le divisioni possono essere sanate proprio in memoria di coloro che hanno sacrificato la propria vita, indipendentemente dal colore della divisa che indossavano. Erano al cimitero di Trento anche il presidente della Sezione Ana locale, Maurizio Pinamonti, e il presidente della Federazione Schützen del Trentino, Enzo Cestari assieme a molte altre autorità militari e civili.

Il presidente Mattarella dopo l’omaggio ai caduti ha poi proseguito la sua visita a Trento, che terminerà a fine mattinata con il saluto alla sfilata degli Alpini in Piazza Dante.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136