QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trentino, borse di studio per gli studenti dell’ambito sanitario: stanziati 541mila euro

venerdì, 29 gennaio 2016

Trento – Prosegue l’impegno dell’amministrazione provinciale verso i giovani e la ricerca: la deliberazione assunta oggi dalla Giunta provinciale, su proposta dell’assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni, assegna all’Opera universitaria 381.000 euro per il finanziamento delle borse di studio 2015/2016 a favore degli studenti iscritti a corsi universitari sanitari e altri 160.000 euro per le borse di studio 2015/2016 per gli studenti dei corsi per operatore socio-sanitario. Lo scorso anno sono state presentate 229 domande da parte di studenti dei corsi di laurea con 171 studenti risultati idonei e beneficiari dell’intervento, mentre per i corsi OSS 149 domande con 128 studenti risultati idonei.ospedale trentino

Le risorse impegnate con la deliberazione approvata oggi confermano gli stanziamenti dello scorso anno e sono già programmate nell’ambito del Piano triennale della formazione degli operatori del sistema sanitario provinciale 2014/17. Qualora queste risorse non fossero sufficienti per far fronte alle domande risultate idonee, verrà predisposta una graduatoria partendo da quelle con coefficiente Icef più basso.

Anche quest’anno la Giunta provinciale ha deciso di avvalersi dell’Opera Universitaria di Trento per l’emanazione dei due bandi di concorso per l’erogazione delle borse di studio relative all’anno accademico 2015/2016, uno a favore degli studenti iscritti ai corsi di laurea triennale o magistrale biennale delle professioni sanitarie e al corso di laurea magistrale a ciclo unico in medicina e chirurgia, l’altro a favore degli studenti iscritti ai corsi professionali per operatori socio-sanitari attivati in provincia di Trento e gestiti dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari, dall’Opera Armida Barelli (con esclusione del percorso di formazione quadriennale) o dalla Fondazione Demarchi, oppure fuori provincia purché tali corsi siano autorizzati dalle rispettive Regioni e siano stati attivati ai sensi dell’Accordo Stato-Regioni del 2001, che prevede una durata annuale non inferiore alle 1.000 ore di formazione.

Il bando di concorso per gli studenti dei corsi di laurea dovrà contenere le seguenti condizioni:
possono presentare domanda gli studenti residenti in provincia di Trento dalla data di inizio del corso universitario frequentato purché non fruiscano di analoghe provvidenze;

gli iscritti sono ammessi per il completamento di un solo corso per ciascun livello di laurea, cioè di un ciclo di studi dall’inizio sino al conseguimento di un titolo;

l’importo delle borse di studio deve essere calcolato con i criteri per la valutazione della condizione economica dei richiedenti;

per quanto riguarda il merito gli studenti devono risultare iscritti per la prima volta ad un anno del corso per il quale è richiesto il beneficio, mentre gli iscritti ad anni successivi al primo devono aver conseguito un numero di crediti preciso;

i limiti delle borse di studio sono i seguenti: per gli studenti in sede, ovvero residenti in luoghi che permettono di raggiungere quotidianamente la sede del corso di studi prescelta: da un minimo di 1.250 a un massimo di 2.500 euro; per gli studenti fuori sede, cioè residenti in Comuni che non permettono di raggiungere quotidianamente la sede del corso purché prendano alloggio in un Comune in sede con contratto registrato, da un minimo di 2.350 a un massimo di 5.000 euro; in caso non producano la documentazione del contratto da un minimo di 1.350 a un massimo di 2.700 euro.

Il bando di concorso per gli studenti dei corsi per operatore socio-sanitario dovrà contenere le seguenti condizioni:

possono presentare domanda gli studenti residenti in provincia di Trento dalla data di inizio del corso universitario frequentato purché non fruiscano di analoghe provvidenze;

l’importo delle borse di studio sarà calcolato con i criteri della valutazione della condizione economica dei richiedenti che vengono utilizzati per l’assegnazione delle borse di studio agli studenti dei corsi universitari sanitari; nel caso le risorse non fossero sufficienti, verrà predisposta una graduatoria applicando nell’assegnazione delle borse il criterio della condizione economica più disagiata;

il merito richiesto per l’accesso alla borsa di studio è l’ammissione al ciclo successivo, mentre per gli studenti del secondo anno è il superamento dell’esame finale di qualifica, comunque riferito al biennio formativo di riferimento. Deroghe sono previste per i casi di gravidanza o per malattia;

Il limite minimo delle borse di studio è fissato in 500,00 euro, mentre il limite massimo è quantificato in 1.200,00 euro.

I bandi saranno disponibili sul sito dell’Opera Universitaria www.operauni.tn.it, per le borse di studio riguardanti i corsi di laurea presumibilmente a partire da febbraio, per i corsi OSS nel mese di giugno 2016.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136