Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Temù, “cimeli e apologia di fascismo in un hotel”: la denuncia di Anpi Valle Camonica e Valsaviore

martedì, 21 luglio 2020

Temù – “E’ sconcertante che all’interno di un albergo di Temù, di cui il sindaco del paese è uno dei titolari, siano esposti cimeli, foto e scritte inneggianti alla dittatura fascista. Stupisce e inquieta che un esercizio pubblico e un sindaco dell’alta Valle Camonica, terra di Resistenza e di sacrificio, non esitino a proporre come modelli agli avventori, ai turisti e ai concittadini, personaggi e vicende della storia italiana che hanno significato oppressione, lutti e distruzioni”. Le sezioni dell’Anpi di Valle Camonica e Valsaviore hanno preso una posizione ufficiale dopo aver accertato la presenza di cimeli del ventennio.

L’associazione dei partigiani ”auspica che i titolari dell’Albergo rimuovano spontaneamente la tronfia e macabra esposizione e che il sindaco di Temù in quanto ufficiale di Governo, adotti i provvedimenti opportuni a far cessare l’apologia di fascismo”.

Temu piazza

I cimeli si trovano tra l’altro a pochi metri di distanza del museo della Grande Guerra (nella foto).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136