Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ripartenza del Trentino, Demagri (PATT): “Valorizzare i talenti locali e il settore dell’intrattenimento”

martedì, 26 maggio 2020

Trento – La fase post Covid-19 sarà l’occasione per valorizzare i talenti locali e favorire la ripartire il settore dell’intrattenimento? Si è molto parlato in queste ultime settimane dell’impatto che hanno avuto sull’economia le misure introdotte per contrastare la pandemia da Covid-19. Con lo scopo di limitare i contagi si sono sospesi fino al termine dell’epidemia tutti gli eventi pubblici e gli spettacoli che erano in programma. Questo ha causato per moltissimi professionisti una riduzione drastica delle proprie attività, creando non poche apprensioni anche per il futuro del settore.

Paola Demagri - PattSul tema interviene la consigliera provinciale del PATT, Paola Demagri, che ha dichiarato: “Sono stata contattata da alcuni amici che si occupano di spettacolo ed ho sentito la loro preoccupazione, ma allo stesso tempo, forti della propria creatività e del proprio inesauribile entusiasmo mi hanno spiegato quali soluzioni potrebbe adottare l’ente pubblico per aiutare anche loro nella ripresa”.

L’idea di Paola Demagri (nelle foto) è legato al fatto che anche con le limitazioni che saranno previste dai regolamenti, il settore dello spettacolo può ancora salvare una parte di stagione estiva, anche grazie alle opportunità che il nostro territorio offre come spazi e come luoghi da valorizzare.

“Abbiamo delle ottime professionalità in Trentino che possono dare delle idee interessati e realizzabili in tutta sicurezza – continua Demagri – e con loro possiamo costruire la ripartenza. Certamente è un dovere del pubblico quello di gestire la Fase 2 e non limitarsi a regolamentare gli eventi”.

Quasi tutti i più importanti appuntamenti che erano in programma sono stati annullati o rinviati, e molte associazioni di volontariato come le Pro loco stanno attendendo di poter capire cosa si potrà realizzare nel prossimo periodo.

Gli spettacoli e gli eventi più importanti di quest’estate non potranno svolgersi, come ad esempio i Suoni delle Dolomiti ma questa situazione potrebbe essere un’occasione per la Giunta provinciale per mostrare la vicinanza al settore dello spettacolo trentino, ragionando con le professionalità locali che organizzano eventi e con artisti del luogo, che mai come quest’anno potrebbero essere apprezzati dal territorio. Un’idea potrebbe essere quella di far esibire artisti trentini emergenti sulle nostre montagne, in spazi ampi e raggiungibili a piedi”, conclude  Paola Demagri.

La proposta “in salsa trentina” della consigliera Demagri è quindi quella di valorizzare le montagne o gli ampi spazi territoriali pubblici e privati, facendo organizzare degli eventi ad ideatori trentini, valorizzando i talenti artistici locali.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136