Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Lombardia, Consiglieri regionali Lega contro il DDL ZAN: “Siamo alla follia. Bavaglio e attentato alla libertà d’opinione”

martedì, 17 novembre 2020

Brescia – Durante l’odierno consiglio regionale della Lombardia i consiglieri della Lega Alessandra Cappellari, Francesca Ceruti, Silvia Scurati, Marco Colombo e Max Bastoni hanno esibito cartelli contro il DDL ZAN omotransfobia. “La sinistra ha l’evidente tendenza ad accusare di qualsivoglia attributo che finisca con fobia chiunque non gli vada esattamente a genio, chi ci garantirà che questo provvedimento non sarà solo un pretesto per mettere un bavaglio agli oppositori politici?” si sono domandati i consiglieri del Carroccio. “Si tratta quindi di un vero e proprio attentato alla libertà di parola e di opinione, principi fondamentali della Costituzione e dell’ordinamento repubblicano. La sua approvazione porterebbe ufficialmente al’inizio di una dittatura di stampo Orwelliano, nella quale chi oserà ostacolare i principi degli arcobalenati verrà imprigionato e istruito insegnandogli ad amare il Grande Fratello LGBT.” I consiglieri della Lega hanno infine ricordato che la Fundamental rights Agency dell’UE collochi l’Italia tra le Nazioni più sicure per quanto riguarda gli episodi di violenza, minaccia o discriminazione nei confronti dei gay. “A oggi le priorità sono il sostegno alle famiglie e alle imprese lombarde non a pretese e imposizioni ideologiche. Dire la verità, sostenere che solo un uomo e una donna possono fare figli naturalmente, diventerà reato. Siamo alla follia”.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136