Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Lockdown, Zaia: “Piste da sci chiuse e happy hour concesso, vorrei capire i principi del nuovo Dpcm”

lunedì, 30 novembre 2020

Cortina d’Ampezzo – Il governatore del Veneto Luca Zaia rimane scettico sulla chiusura che con ogni probabilità sarà imposta nel prossimo Dpcm agli impianti da sci: “Vorrei capire i principi fondanti del nuovo Dpcm. Se il tema è evitare gli assembramenti, allora non si possono chiudere cinema, teatri e piste da sci, contesti più governabili rispetto ad altre situazione naturali.

Mi auguro che si fissino dei pilastri, assembramenti e mobilità ad esempio, e poi a cascata altri provvedimenti. Dire tu sì e tu no non mi sembra metodo. E’ difficile da spiegare il teatro chiuso e lo struscio aperto, la pista da sci chiusa e l’happy hour concesso o la piazza piena. Non si può dire a uno sì, a o uno no, ci vuole un criterio per tutto: che colpa ha l’impianto di risalita? Prima di tutto viene la salute, non facciamo i conti con la calcolatrice. Ma ci vogliono principi per affrontare eventuali restrizioni.”.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136