Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Lockdown e imprese in ginocchio, proteste crescenti in tutta Italia. Crollo Pil del 9,5% nel 2020: peggio solo la Grecia

mercoledì, 6 maggio 2020

Milano – Arrivano le prime stime dell’Ue sul crollo dell’economia a causa delle misure anti-coronavirus nei vari Stati: nel 2020 l’economia italiana crollerà del 9,5 %, per rimbalzare del 6,5 % nel 2021, assumendo però che il Paese non debba richiudersi nel lockdown per combattere la pandemia di Covid-19, eventualità tutt’altro che da escludere con la filosofia che ancora adesso è adottata dal binomio politici-scienziati.

soldi euroLa stima è della Commissione Europea: nelle Previsioni economiche di primavera, peggio dell’Italia – tallonata dalla Spagna (-9,4 %) c’è solo la Grecia (-9,7 %). Secondo le previsioni, tutti i Paesi dell’Ue e dell’Eurozona accuseranno crolli del Pil superiori al 4% quest’anno, con la Polonia (-4,3 %) che è la nazione che potrebbe arginare le perdite.

LOCKDOWN E ECONOMIA A PEZZI, PROTESTE IN TUTTA ITALIA

Intanto, da Nord a Sud crescono le proteste in tutta Italia all’indirizzo del Governo: da chi chiede di riaprire subito perché in condizione di farlo, a chi chiede di tenere chiuso per l’insostenibilità delle misure di distanziamento sociale ma col contemporaneo sostentamento dello Stato, a chi ancora chiede pagamenti promessi dal mese di marzo ma mai arrivati, le voci contrarie alla gestione dell’emergenza in Italia formano un coro sempre più forte col passare dei giorni, nonostante lo sbandieramento del ‘modello Italia’ da parte di politici e affini fin dai primi giorni dell’emergenza.

Oggi è stato il turno di ristoratori e gestori di bar a Milano: una cinquantina di commercianti, in rappresentanza di 2mila attività, hanno protestato all’Arco della Pace posando a terra decine e decine di sedie vuote a simboleggiare i loro locali che ancora non possono accogliere persone. Oltre al danno la beffa, visto che alcuni di loro hanno denunciato di essere multati di 400 euro per aver sanzionato le regole anti-Covid della Fase 2, al pari di molti altri imprenditori multati per manifestazioni pacifiche in altre zone della penisola. Un clima surreale, con una luce in fondo al tunnel della catastrofe socio-economica che al momento appare un miraggio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136