Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Elezioni Comunali a Trento, Filippo Degasperi (Onda Civica): “Più sicurezza e recupero del patrimonio dismesso”

sabato, 12 settembre 2020

Trento – Recupero del patrimonio immobiliare abbandonato e sicurezza del centro storico. La lista “Onda Civica” con il candidato sindaco Filippo Degasperi lancia la grande sfida per i prossimi cinque anni: “Cambiare Trento ripartendo da periferie e ambiente”.  La lista “Onda Civica” punta su ambiente e sviluppo: oggi è in programma alle 18.10 l’incontro con il candidato sindaco e la lista al Café Muse a Trento.

Onda Civica Trentino - Filippo DegasperiPeriferie - Il candidato sindaco Filippo Degasperi afferma: “L’amministrazione uscente ha fallito, non è riuscita a pensare una città a misura d’uomo e a nostro parere il rilancio della città passerà dalle periferie perché al capoluogo serve un riequilibrio sia in termini ambientali che in termini urbanistici”. “Vanno costruiti – prosegue Degasperi – all’interno degli edifici pubblici oggi dismessi e strategici come l’ex Centro salute mentale o il Casino Bersaglio di corso Buonarroti distaccamenti di Polizia Locale rafforzando la dotazione di vigili di quartiere. Investiremo anche sul fronte dei custodi forestali, figure peculiari del nostro territorio che da secoli garantiscono la salvaguardia dell’ambiente e la sicurezza per le zone collinari e montane”.  Filippo Degasperi parte dal recupero dell’ingente patrimonio pubblico per cambiare volto al capoluogo. “Oggi questa città – dice Degasperi – ha necessità di un riequilibrio urbanistico”. Nel programma Onda Civica lancia “idee innovative ma anche la prosecuzione di tutti quei punti che derivano dall’impegno in consiglio comunale dove abbiamo fatto approvare alcuni passaggi fondamentali come la chiusura di Sativa, la videosorveglianza nelle case famiglia del comune”.

Secondo i candidati di “Onda Civica” i privati troveranno maggior spazio: “Perché l’ente pubblico non è riuscito a pensare una città a misura d’uomo. Se avessimo lasciato operare i privati i risultati sarebbero stati migliori”. Ciò però non si tradurrà in nuove colate di cemento visto che le tematiche ambientali trovano ampio spazio all’interno del programma elettorale, tanto che sono state posizionate al primo posto”.

Sicurezza - L’argomento “sicurezza” è un tema chiave: “Il Comune deve divenire punto di riferimento e soggetto attivo per favorire  il  coordinamento tra le forze dell’ordine al fine di riconsegnare alla comunità gli spazi abbandonati che la criminalità ha negli anni occupato. Pretenderemo che Trento abbia questori, commissari del Governo e dirigenti di Pubblica Sicurezza con incarichi stabili e duraturi nel tempo (a differenza di come accade ora), in modo da poter costruire programmi condivisi, fondati sulla conoscenza del territorio e delle sue dinamiche”, dice Filippo Degasperi.

“Dopo aver centrato l’obiettivo di far partire nella nostra città il controllo di vicinato, con l’approvazione della nostra proposta – conclude il candidato sindaco – ci poniamo l’obiettivo di estenderlo in tutte le circoscrizioni e di implementare la sua strutturazione e il suo coordinamento con le forze dell’ordine”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136