Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Covid-19, sanificazione di una struttura alberghiera sull’Altopiano dello Sciliar

sabato, 1 agosto 2020

Altopiano dello Sciliar – Seconda problematica negli ultimi giorni in strutture ricettive dell’Alto Adige: dopo Sesto, oggi il caso sull’Altopiano dello Sciliar con tre casi di infezione da coronavirus riscontrati in un albergo nella quale è stata disposta la sanificazione.

Dopo un’infezione con coronavirus di un dipendente nella giornata di ieri si sono oggi ravvisate due nuovi infezioni su dipendenti della stessa struttura. Sono stati messi in quarantena immediatamente il proprietario della struttura e circa 20 dipendenti, i quali negli ultimi giorni hanno avuto contatti stretti con le persone infettate.

In stretto accordo con il proprietario della struttura i responsabili dell’Azienda sanitaria per il monitoraggio della pandemia Covid-19, hanno disposto la sanificazione (pulizia e desinfezione) dell’immobile. “Garantire la massima sicurezza per tutte le persone coinvolte e minimizzare il rischio di nuovi contagi sono i nostri comuni obiettivi”, spiega la Direttrice del Dipartimento di Prevenzione Dagmar Regele, evidenziando che si trattasse di decisione congiunta. La sanificazione è stata disposta sulla base dell’analisi dettagliata di rischio di contagio.

Sono già partiti i test PCR su tutti i dipendenti, ospiti e stretti contatti nel contesto sociale delle persone infettate. Fin ad ora non ci sono ulteriori risultati di infezioni con coronavirus di dipendenti, ospiti o altre persone.

L’obiettivo principale é di contenere al più possibile il focolaio garantendo sicurezza sia per la cittadinanza che per gli ospiti presenti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136