Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Comuni-Cluster, didattica a distanza dalla seconda media in Alto Adige

giovedì, 5 novembre 2020

Bolzano – Didattica a distanza a partire dalla seconda media per le scuole situate all’interno dei cosiddetti Comuni-Cluster. Questa la decisione assunta dalla Giunta provinciale.

Seduta straordinaria, nel primo pomeriggio di oggi, per la Giunta provinciale. Al centro delle discussioni la situazione relativa agli effetti delle misure di contenimento dei contagi da Covid-19 nel mondo della scuola. L’esecutivo di Palazzo Widmann ha deciso che, a partire da lunedì 9 novembre, giorno di ripresa delle lezioni dopo la settimana di vacanza di Ognissanti, nei Comuni-Cluster potranno riprendere le lezioni in presenza per assistenza all’infanzia, scuole materne, scuole elementari e prime classi delle scuole medie.

Dalla seconda media in avanti, comprese ovviamente le scuole superiori, la didattica avverrà invece totalmente a distanza, ad eccezione dei ragazzi con bisogni educativi speciali. Per tutti gli alunni e gli studenti di età superiore ai 6 anni che frequentano le lezioni in presenza, inoltre, sarà obbligatorio indossare la mascherina di protezionenaso-bocca.

Per quanto riguarda, invece, il resto del territorio altoatesino, rimangono in vigore le misure previste dall’ordinanza provinciale numero 63: lezioni in presenza (con obbligo di indossare la mascherina dai 6 anni in poi) per assistenza all’infanzia, scuole materne, scuole elementari e scuole medie, didattica a distanza al 100% per le scuole superiore tranne che per ragazze e ragazzi con bisogni educativi speciali.

Le misure sono contenute nella nuova ordinanza, la numero 65, che predeve l’individuazione di altri quattro Comuni-Cluster. Alla luce del report quotidiano fornito dall’Azienda sanitaria, infatti, alle 23 località per le quali sono previste misure particolarmente restrittive rispetto al resto del territorio altoatesino, si aggiungono altri quattro paesi. Si tratta di OraTesimoSan Lorenzo di Sebato e Prato allo Stelvio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136