Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Bormio: Legambiente chiede di “Istituire il Parco interregionale delle Alpi Retiche”

lunedì, 25 maggio 2020

Bormio – Giornata Europea dei Parchi, Legambiente chiede di “istituire il Parco interregionale delle Alpi Retiche e dotare di maggiori tutele il Parco dello Stelvio, che ha perso il vigore di parco nazionale dopo lo smembramento effettuato tra Lombardia, Alto Adige e Trentino“.

I Parchi regionali sono il cuore della Lombardia. Una grande risorsa verde che rappresenta non solo il luogo prioritario della conservazione della biodiversità e del paesaggio ma anche della nostra identità culturale. Nella Giornata Europea dei Parchi, che quest’anno ha come tema internazionale “I Parchi per la salute”.

Legambiente Lombardia ritorna sul territorio a difesa dei polmoni verdi: “Mai come in questo momento i parchi e il sistema delle aree protette rappresenta un bene inestimabile anche per il benessere dei lombardi – dice Barbara Meggetto, presidente Legambiente Lombardia – una prerogativa che però ci pare ampiamente disattesa dalla Regione che, in questi anni, ha depotenziato l’azione di sostegno e promozione del sistema verde lombardo. Da tempo chiediamo un maggior investimento che porti ad aumentare attività e risorse nell’ottica di completare il disegno della rete ecologica regionale e dei parchi”.

Il sistema delle aree protette – dichiara Valentina Minazzi, responsabile Parchi Legambiente Lombardia – subisce pressioni pericolose e preoccupanti che possono essere affrontate e contrastate solo a livello regionale. Aver unificato Agricoltura e Parchi e separato le competenze sulla biodiversità si è rilevato un fallimento: da un lato ha provocato un depotenziamento del sistema delle aree protette e dall’altro non ha minimamente favorito la riconversione dell’agricoltura alla sostenibilità. La Regione inoltre non ha attuato il PRAP (Piano Regionale delle Aree Protette) abdicando completamente alla sua funzione di pianificazione e di gestione del sistema dei Parchi e depotenziato la struttura tecnica interna”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136