Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Alpe Cimbra, la modernizzazione di Forte Belvedere nel panel “History and Heritage”

venerdì, 19 giugno 2020

Lavarone – Iniziativa di modernizzazione di Forte Belvedere, collegando Lavarone a Parigi all’interno del panel “History and Heritage”. Il progetto nasce dal desiderio di rimodernare l’interno di Forte Belvedere ed è proprio da quest’idea che a partire dal 2016 sono state fatte varie richieste d’intervento al Forte.

forte belvedereIl primo intervento fu effettuato nel 2016-2017 in collaborazione con Renzo Carbonera e con il contributo della Fondazione Caritro al Fortino 1.  Si trattò di un’installazione multimediale denominata “La Penna e la Baionetta” che rese omaggio a Hemingway, Montale e Musil, tre scrittori di fama internazionale che, durante la Prima Guerra Mondiale, si trovarono a combattere a poca distanza l’uno dall’altro, fra Trentino e Veneto, e che attraverso il loro scritti offrirono diversi punti di vista sulla guerra e sull’essere soldati.

Dopo questo primo intervento prosegue la ricerca di finanziamenti per poter continuare questo progetto di modernizzazione del Forte e tra il 2018 e il 2019 venne realizzato il secondo bando in collaborazione con la Fondazione Caritro denominato “Con i tuoi passi, con i tuoi occhi” il quale prevede nuove installazioni non più all’interno dei Fortini ma all’interno del Forte stesso. Tale progetto è stato rallentato a causa dell’emergenza Covid-19.

Contemporaneamente la Fondazione Forte Belvedere è stata assegnataria del bando “Arte Creativ” che prevede il contributo di 8 partner da diversi Paesi Europei i quali contribuiranno alla realizzazione di installazioni multimediali presso il Forte.

Tutte le attività vengono svolte in stretto contatto con il Sindaco del Comune di Lavarone, Isacco Corradi, quale ente proprietario del Forte e con tutti gli enti della Provincia Autonoma di Trento.

È stato infatti realizzato per la Soprintendenza dei beni culturali della Provincia di Trento, in collaborazione con l’Arch. Collotti, un piano guida con tutti gli interventi che s’intendono realizzare.

“L’obiettivo – spiega Mauro Lanzini presidente della Fondazione Forte Belvedere Gschwent – è quello di ricevere, a breve termine, tutte le informazioni per poter procedere con la realizzazione di tutte le installazioni in maniera moderna ed allo stesso tempo immediata. Tutte le domande sono state presentate e auspicano di ricevere tutta la documentazione necessaria entro la fine dell’anno”.

Ed è proprio a seguito vincita del bando europeo “Arte Creativ” che la Fondazione Belvedere è stata invitata a partecipare al principale evento audiovisivo in Europa che si sarebbe tenuto dal 22 al 25 giugno presso La Rochelle di Parigi ma a causa dell’emergenza Covid-19 l’evento si svolgerà digitalmente.

Durante la mattinata del 24 giugno Renzo Carbonera prenderà parte alla conferenza e parlerà del progetto di Forte Belvedere, l’intervento sarà inserito all’interno del panel “History and Heritage” durante il quale si parlerà della ricostruzione della Cattedrale di Notre-Dame di Parigi e del progetto di Forte Belvedere, si tratta quindi una vetrina davvero molto importante.

Considerato il calibro dell’evento saranno presenti nomi di grande spicco tra i quali Stéphane Malagnac direttore esecutivo di PiXii – Sunny Side of the Doc, Mélanie De Riberolles direttrice di Ubisoft, Armelle Arrou responsabile dei progetti multimediali dell’UNESCO, Azara Daniele direttore di Centounopercento, Stéphane Millière CEO di Gedeon e Roei Amit responsabile digital Réunion des Musées Nationaux Grand Palais.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136