Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Ono San Pietro, inaugurata la stagione al rifugio Baita Iseo

I nuovi gestori sono Francesco Cavagnoli e Sara Bianchi: "La nostra proposta nel segno del ritorno alle tradizioni"

Ono San Pietro (Brescia) - Una passione che viene da lontano e che punta a coniugare tradizione e novità. Il rifugio Baita Iseo ha inaugurato la stagione 2024 e, nello stesso tempo, battezzato una nuova gestione. A prendere in carico la struttura, situata sul versante nord-ovest della Concarena, in territorio di Ono San Pietro, sono stati infatti due giovani: Francesco Cavagnoli, 28enne, camuno doc, e la sua compagna Sara Bianchi, 24 anni, originaria di Sovere, in provincia di Bergamo. Una scelta, la loro, fatta per passione, ma non solo.

Per Francesco si tratta di una sorta di ritorno alle origini: il rifugio Iseo, infatti, è stato gestito per ben 27 anni dal nonno di Francesco, Venanzio Zana, che fino al 2016 si è occupato di accogliere e ristorare gli escursionisti.

“La mia prima volta al Rifugio Iseo è stata quanto avevo 2 anni: era il 1998 - conferma Francesco Cavagnoli -. Da allora ci sono tornato ogni anno e il Rifugio è diventata la mia oasi di pace e natura”.


Nei ricordi di Francesco trovano posto estati piene di momenti indimenticabili, “come il corso di erboristeria di don Angelo, le giornate con gli amici, le scorpacciate con i manicaretti preparati da mio nonno, ma anche il piacere di incrociare e interagire con gli escursionisti”.

Un seme che, anno dopo anno, ha germogliato fino a far prendere a Francesco e Sara la decisione di trasformare la propria passione in un lavoro, diventando rifugisti. Del resto, la natura e, in particolare, la montagna sono nel loro Dna. "Io da poco sono diventato Guida Ambientale Escursionistica - conferma Cavagnoli -, mentre Sara è la co-creatrice del Cammino Tre Laghi, un trekking a lunga percorrenza che si snoda per 100 km nella zona dei laghi bergamaschi, tra quelli di Endine, Iseo e Piangaiano”.

Sull'impostazione da dare al rifugio, Sara e Francesco hanno le idee chiare: “Siamo amanti della montagna e della natura - confermano -, quindi la nostra filosofia non potrà che ricalcare questo spirito, nel pieno rispetto del territorio che ci circonda. La nostra sarà una proposta nel segno del ritorno alle tradizioni: non saremo un albergo travestito da rifugio, ma un luogo dove riscoprire la cucina di montagna (facendo ricorso quanto più possibile a prodotti a km zero), poter prendere parte a escursioni organizzate e, più in generale, assaporare la vera vita di montagna”.

Il rifugio Baita Iseo a partire dal 1° luglio sarà aperto tutti i giorni.
Ultimo aggiornamento: 25/06/2024 06:08:06
POTREBBE INTERESSARTI
Milano - L’arbitrato CAM è più rapido e può risultare più conveniente di una causa civile ordinaria. Sfatato, dunque, il...
Idro (Brescia) - La Provincia di Brescia ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione della deviante alla Sp...
Valsugana (Trento) - Dopo qualche anno di assenza, ieri sera la bellezza del Concorso Miss Italia è tornata ad essere...
A causa di un incidente ad Artogne, strada chiusa in mattinata
Allenatore delle Nazionali giovanili , morto a 66 anni
Monno (Brescia) - Una scritta con vernice rossa, il cippo che ricorda i caduti delle Seconda Guerra Mondiale è stata...
ULTIME NOTIZIE
Per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni
Trento – La Dolomiti Energia Trentino inizierà il suo percorso europeo con un grande classico, ossia la lunga trasferta...
Pinzolo (Trento) - Per la seconda estate consecutiva il Torino Football Club 1906 sceglie Pinzolo per il ritiro...