Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Frode fiscale e truffa, in carcere 64enne di Paspardo

mercoledì, 9 giugno 2021

Paspardo – Coinvolge anche la Valle Camonica l’operazione condotta dai Squadra Mobile e Guardia di Finanza di Vicenza che ha portato in carcere 9 persone, tra cui un 64enne, residente a Paspardo (Brescia). Fatture false e truffa è l’accusa nei confronti di un’associazione a delinquere che vede indagate 17 persone, di cui 9 finite in carcere.

Il gruppo capeggiato da una coppia veneta, ma originaria di Rovato (Brescia)  avrebbe costituito una serie di società denominate “cartiera”, prive di dipendenti e di magazzino e amministrate da persone interposte, dalle quali emettevano fatture per operazioni inesistenti. Da queste avrebbero creato altre società, dislocate in alcune province della Lombardia tra cui Brescia, che avrebbero usato per ottenere detrazioni di imposta grazie alle fatture emesse dalle imprese “cartiere”. Infine, avrebbero costituito altre società attraverso le quali avrebbero accumulato i debiti con l’erario fino alla liquidazione e al fallimento. Al sodalizio la Procura contesta anche la truffa per ottenere fondi Covid.

Con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata a frode fiscale, dichiarazione fraudolenta dei redditi, omessa dichiarazione d’Iva sono finiti in carcere sei bresciani, una coppia, originaria di Rovato e attualmente residente a Vicenza, lo zio della coppia e un amico, un professionista di Rovato e il 64enne di Paspardo. Ai domiciliari una 52enne di Rovato e imposto l’obbligo di firma e di dimora ad altri quattro indagati residenti a Roncadelle e Moniga, Cazzago San Martino e Cortefranca. L’indagine potrebbe allargarsi e coinvolgere altre persone.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136