Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Fondi stanziati dopo l’emergenza maltempo in Lombardia: le località camune e valtellinesi interessate

mercoledì, 26 giugno 2019

Sondrio – Fiumi esondati, allagamenti diffusi, frane, interruzioni di strade, smottamenti ed erosioni spondali per 78 milioni di euro. A tanto ammonta la stima dei danni alle infrastrutture, al territorio, ai privati e alle attivita’ produttive in 9 province lombarde per gli eventi calamitosi di maggio e giugno – con particolare riguardo alle province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco e Sondrio – per i quali Regione Lombardia ha chiesto al Governo lo ‘stato di emergenza’.

ITER RAPIDO E TEMPI RISPETTATI – A distanza di pochi giorni si avvia cosi’ a conclusione, con la relazione integrativa presentata a seguito della richiesta di deliberazione, il rapidissimo iter, partito immediatamente dopo l’emergenza, il 13 giugno scorso, con il primo sopralluogo nelle zone piu’ colpite; seguito, il 18 giugno, da un ulteriore incontro di supporto ai sindaci e, il 21 giugno, dal sopralluogo da parte dei tecnici del Dipartimento di Protezione civile nazionale. Rispettati i tempi della timeline annunciata dall’assessore regionale al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni in occasione dei sopralluoghi nelle zone piu’ colpite, la questione passa ora al Consiglio dei ministri e al Dipartimento di Protezione civile nazionale, con cui Regione Lombardia porta avanti un’interlocuzione costante.

REGIONE ASSICURA RISORSE E COPERTURA INTERVENTI DI SOMMA URGENZA – Regione Lombardia ha intanto gia’ provveduto a stanziare le risorse necessarie per far fronte alle emergenze prioritarie. A sostegno dei Comuni colpiti dalle calamita’ naturali, la Giunta regionale ha approvato, la scorsa settimana, una delibera che prevede la totale copertura delle spese sostenute per i lavori di pronto intervento per tutti i Comuni fino a 5.000 abitanti e la copertura all’80 per cento delle spese sostenute per i lavori di pronto intervento per i Comuni con popolazione oltre 5.000 abitanti e fino a 20.000 abitanti.

ATTENZIONE ALTA E MONITORAGGIO COSTANTE – “Per il superamento delle situazioni di maggiore criticita’ – ha commentato l’assessore Foroni – sono stati effettuati gia’ 34 interventi di somma urgenza tra rimozione di piante e alberi caduti, ripristino della viabilita’, pulizia di strade e ripristino della funzionalita’ dei servizi pubblici essenziali e stabilizzazione dei versanti instabili, per un totale di 600.000 euro a maggio e oltre 2 milioni di euro a giugno. Monitoreremo le varie situazioni e speriamo, nel frattempo, di ottenere al piu’ presto lo stato di emergenza e la connessa ordinanza che dettaglia i piani degli interventi”.

SONDRIO: FRANE E ALLAGAMENTO BYPASS GALLIVAGGIO – In provincia di Sondrio, dalla ricognizione effettuata da Regione, la stima dei danni da maltempo ammonta complessivamente a 19,8 milioni di euro tra i Comuni di San Giacomo Filippo, Campodolcino, Delebio e Santa Caterina Valfurva.

Nel dettaglio, per gli eventi calamitosi di maggio e giugno, l’importo delle spese di prima emergenza ammonta a 1,6 milioni di euro; la stima dei danni alle infrastrutture a 5 milioni di euro; la stima dei danni al territorio a 12,2 milioni di euro; la stima dei danni alle attivita’ produttive a 537.000 euro; quella dei danni ai privati a 470.000 euro.

BRESCIA: ALLAGAMENTI, FRANE E DANNI A LINEE ALTA TENSIONE – In provincia di Brescia, dalla ricognizione effettuata da Regione, la stima dei danni da maltempo ammonta complessivamente a 19 milioni di euro (9 milioni a maggio e 10,5 milioni a giugno) tra i Comuni di Calcinato, Sirmione, Desenzano, Lonato, Urago d’Oglio, Pontevico, Borgo San Giacomo, Quinzano d’Oglio, Angolo Terme, Artogne, Borno, Breno, Darfo Boario Terme, Niardo, Pisogne, Paisco Loveno.

Nel dettaglio, per gli eventi calamitosi di maggio e giugno, l’importo delle spese di prima emergenza ammonta a 718.300 euro; la stima dei danni alle infrastrutture a 6,5 milioni di euro; la stima dei danni al territorio a 5 milioni di euro; la stima dei danni alle attivita’ produttive a 3,3 milioni di euro; quella dei danni ai privati a 4 milioni di euro

L’elenco completo dei Comuni coinvolti dai danni da maltempo nel periodo dal primo maggio al 19 giugno, che hanno presentato le schede danni (RASDA) divisi sulle 9 province.

Provincia di Bergamo: Albano Sant’Alessandro, Albino, Bergamo, Bracca, Carona, Costa Serina, Curno, Cusio, Isola di Fondra, Lovere, Nembro, Oltre il Colle, Paladina, Piazzatorre, Santa Brigida, Scanzorosciate, Strozza, Torre De’ Roveri, Valbrembo, Valtorta e Villa di Serio.

Provincia di Brescia: Angolo Terme, Artogne, Bagnolo Mella, Bienno, Borno, Botticino, Bovezzo, Breno, Capriano Del Colle, Darfo Boario Terme, Desenzano del Garda, Ghedi, Idro, Iseo, Leno, Lonato del Garda, Manerba del Garda, Manerbio, Moniga del Garda, Niardo, Offlaga, Orzivecchi, Ossimo, Padenghe sul Garda, Paisco Loveno, Pisogne, Ponte di Legno, Salo’, San Felice del Benaco, Sirmione, Soiano del Lago, Sonico, Urago d’Oglio e Vione.

Provincia di Como: Dosso del Liro, Garzeno, Gera Lario, Livo, San Nazzaro Val Cavargna, Sorico e Vercana.

Provincia di Cremona: Camisano e Offanengo.

Provincia di Lecco: Casargo, Colico, Cortenova, Crandola Valsassina, Dervio, Introbio, Introzzo, Morterone, Pagnona, Premana e Primaluna.

Provincia di Lodi: Boffalora d’Adda.

Provincia di Mantova: Castiglione delle Stiviere, Ceresara, Ostiglia e Revere.

Provincia di Pavia: Canevino, Cigognola, Colli Verdi, Fortunago, Golferenzo, Lirio, Montalto Pavese, Montecalvo Versiggia, Mornico Losana, Mortara, Pietra de’ Giorgi, Romagnese, Ruino, Santa Maria della Versa, Val di Nizza, Valverde, Volpara e Zavattarello.

Provincia di Sondrio: Albosaggia, Andalo Valtellino, Aprica, Caiolo, Campodolcino, Chiavenna, Comunita’ Montana Valchiavenna, Delebio, Gerola Alta, Gordona, Madesimo, Mese, Novate Mezzola, Piantedo, Piuro, Prata Camportaccio, Samolaco, San Giacomo Filippo, Tartano, Teglio, Traona, Valdisotto, Valfurva e Verceia.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136