Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Edolo, all'istituto Meneghini è realtà la serra didattica: l'inaugurazione

Edolo (Brescia) - E' stata inaugurata la "Serra didattica 4.0" realizzata all'istituto "Meneghini" di Edolo (Brescia). L'opera è ora un punto di riferimento per le attività didattiche dell'istituto edolese, un progetto sviluppato con passione e dedizione dal dirigente scolastico, professoressa Raffaella Zanardini, e dal professor Alessandro Bono, che ha seguito passo dopo passo la sua realizzazione.


L'istituto Meneghini ha una lunga storia e una profonda connessione con il territorio montano e l'indirizzo "Agrario-Gestione Risorse Forestali" è un'antica tradizione in Lombardia, che ha radici che risalgono al lontano 1945, quando la scuola nacque come centro di formazione per l'intarsio e il taglio del legno, grazie all'impegno della cooperativa lavoratori industrie boschive. La Serra Didattica, 590mila euro sono stati destinati al progetto con i fondi Pon della scuola edolese e gli altri 10mila euro tra enti e i privati, porta a un salto di qualità con una tecnologia avanzata: si tratta di una serra adatta per l'agricoltura di precisione, con un focus sull'idroponica e sull'aeroponica. Con queste due tecniche all'avanguardia, si possono controllare con precisione i fattori della produzione come temperatura, luminosità, umidità e terreno, il che consente agli studenti di produrre in modo più efficiente e sostenibile. L'idroponica, in particolare, permette di risparmiare fino al 75-80 per cento di acqua, un aspetto cruciale nella gestione delle risorse idriche in una zona montana.

Il dirigente scolastico ha ringraziato gli enti - Comune di Edolo, Provincia di Brescia, Regione Lombardia e Comunità Montana - e i privati, in particolare la famiglia Pagano che hanno sostenuto il progetto.


VIDEO

All'inaugurazione della serra erano presenti, accanto al dirigente scolastico professoressa Raffaella Zanardini, al professor Alessandro Bono, agli studenti e docenti del Meneghini e dell'Istituto Comprensivo di Edolo, il sindaco Luca Masneri, il consigliere regionale Diego Invernici, il consigliere provinciale delegato all'Istruzione ed Edilizia Scolastica Filippo Ferrari, l'assessore alla Comunità Montana di Valle Camonica Massimo Maugeri, la responsabile di Unimont, professoressa Anna Giorgi, quindi Mario Barga, presidente del Collegio dei Periti agrari, Angelo Balsamo, il commercialista Marco Cattane, il parroco don Marco Iacomino e il curato don Marco Mondinini, dirigenti della Provincia di Brescia.


"La serra didattica - spiega la professoressa Zanardini - rappresenta non solo un edificio o una struttura, ma il risultato tangibile di anni di lavoro, collaborazione e impegno. È il risultato di un percorso che ha coinvolto studenti, docenti, istituzioni e varie agenzie del territorio. E oggi, finalmente, possiamo vedere i frutti di questo sforzo collettivo".
Il sindaco Luca Masneri ha sottolineato l'importanza del progetto che "valorizza l'istituto Meneghini e rilancia Edolo come riferimento nazionale e internazionale nel campo dell'istruzione", quindi sono intervenuti Diego Invernici e Massimo Maugeri che hanno posto l'accento su un progetto innovativo non solo per Edolo e Valle Camonica.
Il professor Alessandro Bono ha illustrato il progetto che ha preso avvio cinque anni fa dopo la visita degli studenti in un istituto di Kiel. Il professor Bono ha indicato in "tecnologia e innovazione" i punti di forza del progetto, evidenziando che tutte le iniziative "devono essere sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e sociale".


"Con l'apertura della Serra Didattica 4.0 - ha concluso la professoressa Zanardini - stiamo guardando al futuro, abbracciando la tecnologia e l'innovazione per sostenere l'educazione ambientale e la salvaguardia del nostro meraviglioso territorio montano. Questa serra sarà molto più di un edificio; sarà uno spazio educativo laboratoriale in cui gli studenti potranno imparare in modo pratico e coinvolgente, in cui i docenti potranno insegnare attraverso esperienze reali e in cui la nostra comunità potrà collaborare con altre agenzie del territorio per diffondere pratiche sostenibili e prendersi cura dell'ambiente". La Serra Didattica 4.0 proietta Edolo nel futuro dell'educazione ambientale e agricola.


di A.Pa.
Ultimo aggiornamento: 29/09/2023 18:52:54
POTREBBE INTERESSARTI
Roma - Esame di maturità per 526.317 studenti italiani, poco più di 8mila bresciani, di cui 1.200 tra Valle Camonica,...
Ceto (Brescia) - Ultimo saluto a Brigida Andreina De Pari, 82 anni. Nel pomeriggio si terranno le esequie di...
Brescia - Un insegnante di religione residente nel Bresciano è stato arrestato per pedopornografia. L'inchiesta della...
Venerdì 21 giugno "Yoga day", sabato 22 lo spettacolo "Mago per svago"
Finanziati da Regione Lombardia tre progetti della Cooperativa di Bessimo
La professoressa Anna Giorgi parteciperà a una tavola rotonda
ULTIME NOTIZIE
Sono 50 gli indagati dalla Guardia di Finanza di Reggio Emilia per reati fiscali
Sondrio - Maltrattamemnti sulla moglie, imprenditore valtellinese arrestato. Il 35enne è accusato di stalking e lesioni....
Cles (Trento) - Domani - giovedì 20 giugno, alle 18 - si alzerà il velo a Cles sulla nuova mostra “Valentino Ruatti....