Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Droga a giovani, ultras spacciatore di Malonno denunciato dai carabinieri. Blitz anche a Piancogno

sabato, 30 novembre 2019

Malonno - Controlli antidroga con l’ausilio di unità cinofile in Valle Camonica. I militari della Stazione di Edolo hanno indagato in stato di libertà un 44enne di Malonno, pregiudicato, che fa parte del gruppo organizzato degli “Ultras Brescia 1911”.

carabinieri largeL’indagine dei Carabinieri è stata avviata dopo aver ricevuto una segnalazione da alcune mamme dell’alta valle che avevano trovato i loro figli, anche minori di età, in possesso di spinelli. I sospetti indicati nello scritto trasmesso in caserma e gli accertamenti eseguiti dai Carabinieri hanno indirizzato le indagini verso il tifoso camuno.

L’uomo è stato sottoposto ad una perquisizione personale e domiciliare; all’interno della sua camera da letto sono stati recuperati sedici spinelli confezionati in modo artigianale contenenti hashish. I militari stanno ora convocando e sentendo alcuni giovani che sono stati identificati quali acquirenti del pusher che, nel frattempo, è stato denunciato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di droga.

Non è finita meglio a un 19enne operaio di Piancogno, che invece è stato arrestato dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile che hanno effettuato un controllo nella sua abitazione insieme ai militari del Nucleo Cinofili di Orio al Serio (Bergamo). Alcuni controlli eseguiti su strada unitamente a piccoli sequestri di fumo ed erba avevano portato i militari di Breno ad attenzionare il ragazzo. All’interno del suo garage il cane “Grom” ha scovato circa 90 grammi di hashish e 25 grammi di marijuana.

ARRESTO PER FURTO

I carabinieri della Compagnia di Verolanuova, hanno effettuato un servizio finalizzato al contrasto dei furti in appartamento nel territorio di competenza. Durante il servizio hanno posto la loro attenzione su di un pregiudicato 58nne residente a Fiesse. I militari hanno pedinato il sospettato tutto il giorno fino a giungere a Mazzano dove l’uomo, dopo aver lasciato l’auto in una via laterale, si è introdotto in un’abitazione. I Carabinieri hanno immediatamente bloccato le vie di fuga e appena l’uomo è uscito dalla palazzina è stato bloccato. Dalla perquisizione sul posto è stato trovato in possesso di un cacciavite, utilizzato per forzare la finestra, catenine e monili vari in oro; da quella presso la sua abitazione ulteriori monili in oro ritenuti provento di altri colpi messi a segno dal malvivente.

I carabinieri hanno quindi tratto in arresto l’uomo per il reato di furto aggravato. Sottoposto a rito direttissimo il Giudice ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora e la parmanenza domiciliare dalle 19 alle 5.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136