Ad
Ad


Comunità Montane, 13,5 milioni di euro da Regione Lombardia: i fondi sul territorio

sabato, 13 novembre 2021

Breno – “Valorizzare i boschi significa prendersi cura dell’ambiente e sviluppare economia nei territori di montagna. Con questi 13,5 milioni di euro nel triennio 21-23 diamo alle Comunità montane la possibilità di realizzare nuove strade agro-silvo-pastorali, di effettuare opere di manutenzione di quelle esistenti e di eseguire sistemazioni idraulico-forestali”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, presentando il piano di riparto da 13,5 milioni di euro in tre anni per le Comunità montane della nostra regione, da dedicare alle misure forestali.

“Le risorse – ha aggiunto l’assessore – sono state stanziate nell’ambito del ‘Piano Lombardia’ voluto dal presidente Fontana come sostegno alla ripresa economica. Il bosco rappresenta per la Lombardia uno straordinario patrimonio ambientale e di biodiversità e ha al contempo una formidabile potenzialità produttiva. Investire in opere che ne consentano la valorizzazione è fondamentale per accrescere la gestione sostenibile e mantenere livelli occupazionali e di qualità della vita nelle aree montane”.

“Il taglio della legna – ha sottolineato – dà lavoro a circa 1.400 persone nelle Imprese boschive lombarde, a 300 persone nei consorzi forestali e alle aziende agricole. La Lombardia, con 620.000 ettari, è la terza regione italiana per superficie forestale. I boschi certificati, ossia curati secondo rigorosi standard ambientali, sono aumentati del 74% nell’ultimo anno”. “Abbiamo – ha concluso l’assessore Rolfi – una risorsa straordinaria, in costante crescita, che vogliamo tutelare e valorizzare grazie alle realtà che operano sul territorio”.

“Si tratta di investimenti importanti per la provincia lombarda con la maggiore superficie boscata, oltre 171 mila ettari, con la ferma volontà di valorizzare le zone d’alta quota per quello che sanno offrire come l’ambiente, l’agricoltura, il turismo. Soprattutto, dopo la crisi pandemica ci dobbiamo porre sempre di più l’obiettivo dello sviluppo di questi territori per permettere di sostenere l’economia locale perché la sfida è grande ed è necessario sostenere sempre più l’intera filiera delle comunità montane”, commenta Floriano Massardi, consigliere regionale della Lega e vicepresidente dell’VIII Commissione permanente – Agricoltura, montagna, foreste e parchi in merito alla presentazione del piano regionale di riparto da 13.5 milioni di euro in tre anni per le comunità montane, da dedicare alle misure forestali.

Il piano di riparto per le Comunità montane:

BERGAMO

Valle Brembana 803.105,45 euro
Di Scalve 244.282,09 euro
Laghi bergamaschi 475.584,99 euro
Valle Imagna 248.710,02 euro
Valle Seriana 726.479,33 euro

BRESCIA

Valle Camonica 1.738.700,33 euro
Parco alto Garda bresciano 525.770,92 euro
Sebino bresciano 253.931,38 euro
Valle Sabbia 838.553,09 euro
Valle Trompia 689.848,21 euro

COMO

Lario intelvese 357.170,99 euro
Triangolo lariano 456.753,23 euro
Valli del Lario e Ceresio 551.225,32 euro

LECCO

Lario orientale – valle San Martino 318.644,64 euro
Valsassina Valvarrone Val d’Esino e Riviera 504.119,08 euro

PAVIA

Oltrepo pavese 690.976,49 euro

SONDRIO

Valtellina di Sondrio 868.242,31 euro
Alta Valtellina 723.722,84 euro
Valchiavenna 487.863,32 euro
Valtellina di Morbegno 618.634,97 euro
Valtellina di Tirano 689.612,90 euro

VARESE

Piambello 259.938,81 euro
Valli del Verbano 428.129,30 euro.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136