Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


“A scuola di sport – La Lombardia in gioco” nelle scuole primarie: progetti finanziati in Valle Camonica e Valtellina

martedì, 26 novembre 2019

Esine – “A scuola di sport – La Lombardia in gioco” nelle scuole primarie: progetti finanziati in Valle Camonica e Valtellina. E’ scattato ufficialmente il via alla sesta edizione di “A scuola di sport – La Lombardia in gioco”, il progetto dell’assessorato allo Sport e Giovani di Regione Lombardia dedicato alla promozione e implementazione dell’attivita’ motoria e dei corretti stili di vita nelle scuole primarie lombarde. Un piano che vede coinvolti, oltre a Regione Lombardia e all’assessorato Sport e Giovani, anche l’Ufficio Scolastico regionale, Coni Lombardia, Cip Lombardia e Anci. Per l’anno scolastico in corso a livello regionale sono 247 gli istituti scolastici ammessi e finanziati per un totale di 5.740 classi e oltre 117.000 alunni. Dal punto di vista economico si traduce in un intervento con gli esperti dal valore di 1 milione 700 mila euro, di cui 1 milione di euro di cofinanziamento Regionale e di 700 mila euro di cofinanziamento territoriale.

basketPOTENZIARE DISCIPLINE MOTORIE PER INSEGNARE SANA COMPETIZIONE -”Regione Lombardia – ha spiegato l’assessore Martina Cambiaghi – vuole incoraggiare i giovani, gia’ a partire dai piu’ piccoli, alla pratica sportiva come leva per apprendere valori quali il rispetto delle regole, l’abitudine al sacrificio e alla lealta’ e sana competizione intesi come condotta di vita”.

PIU’ SPORT MENO PC, TABLET E TELEFONI – “Per formare la generazione di domani bisogna puntare sull’attivita’ motoria a tutti i livelli anche per distoglierli dal massiccio uso casalingo di pc, tablet e telefonini – ha ricordato l’assessore Martina Cambiaghi – Abbiamo voluto incoraggiare i giovani, gia’ a partire dai piu’ piccoli, alla pratica sportiva come leva per apprendere valori quali il rispetto delle regole, l’abitudine al sacrificio, alla lealta’ e alla sana competizione intesi come
condotta di vita “.

I NUMERI DELLE PRIME SEI EDIZIONI – Giunto alla sua sesta edizione, ‘A scuola di sport – Lombardia in gioco’ e’ cresciuto negli anni in modo significativo con l’adesione sempre piu’ numerosa di scuole e classi. Nella prima edizione (2014/2015) avevano partecipato 62.811 alunni di 2.989 classi, dato raddoppiato nell’anno scolastico 2019/20 con 5.740 classi coinvolte e una stima di oltre 117.000 alunni. Nelle prime sei edizioni sono 27.954 le classi che hanno aderito e 471.463 studenti lombardi che hanno partecipato a “Scuola di sport”. Nell’arco delle sei edizioni Regione Lombardia ha stanziato oltre 5,5 milioni di euro.

PROVINCIA DI SONDRIO – Sono 3 gli Istituti Comprensivi finanziati, 37 le classi coinvolte, finanziati da Regione Lombardia per 6.755 euro per un totale progetto di 11.100 euro: Istituto Comprensivo di Tirano, Istituto Comprensivo 2 “Damiani” di Morbegno, Istituto Comprensivo “Paesi Retici” Sondrio.

PROVINCIA DI BRESCIA – Sono 18 gli Istituti Comprensivi finanziati, 374 le classi coinvolte, finanziato da Regione Lombardia per 61.778 euro, per un totale progetto di 112.200 euro. Istituto comprensivo Castel Mella, Istituto comprensivo di Pralboino, Istituto comprensivo di I Desenzano Del Garda, Istituto comprensivo di II Trebeschi Desenzano Del Garda, Istituto comprensivo di Carpenedolo, Istituto comprensivo “Ugo da Como” di Lonato Del Garda, Istituto comprensivo di I Darfo Boario Terme, Istituto comprensivo di Gottolengo, Istituto comprensivo di Gardone Val Trompia, Istituto comprensivo di Azzano Mella, Istituto comprensivo di Remedello, Istituto comprensivo di “La Pira” di Sarezzo, Istituto comprensivo di Valtenesi Manerba Del Garda, Istituto comprensivo di Manerbio, Istituto comprensivo di “Padre Vittorio Falsina” di Castegnato, Istituto comprensivo di Darfo Boario, Istituto comprensivo di Esine e Istituto comprensivo di Cellatica e Collebeato.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136