Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Gestione degli orsi in Trentino, confronto al ministero

Il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, ha incontrato il ministro Pichetto Fratin

Trento - Confronto fra il ministro Pichetto Fratin e il presidente Maurizio Fugatti sulla questione orsi.

La gestione degli orsi in Trentino è di nuovo tornata sui tavoli ministeriali: oggi un nuovo confronto fra il ministro Pichetto Fratin ed il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti. Quest’ultimo ha portato all’attenzione del responsabile del ministero all’ambiente i recenti casi di avvistamenti in Val di Sole, fra cui quello dell’orso ripreso in pieno centro a Malé (nella foto in basso) ed ha riproposto il tema dell’utilizzo dello spray anti orso, oggi concesso solo ai Forestali.

“Con il ministro Pichetto Fratin - ha commentato Fugatti al termine dell’incontro - abbiamo parlato della possibilità di ampliare l’utilizzo dello spray anti-orso non solo, come è adesso, al corpo forestale, ma anche a tutti i corpi della Protezione Civile e delle Forze dell'ordine.
Noi vorremmo oggettivamente anche fare di più, aprendo questa possibilità a tutta la cittadinanza, ma sappiamo che dalla legge italiana considera lo spray un'arma. Sarà necessario pertanto affrontare dobbiamo questo percorso per gradi”.

Temi, in altre parole, che coinvolgono più livelli istituzionali. “Ora - conferma Fugatti - si dovrà discutere anche con il ministero dell'Interno, come abbiamo già fatto nei mesi scorsi. Non partiamo ora, insomma, ma possiamo dire di aver notato una giusta sensibilità da parte del ministro”.

Il presidente Fugatti ha fatto presente che c'è un numero sicuramente maggiore di orsi rispetto a quanto preventivato; un numero ritenuto eccessivo che crea forte preoccupazione: “Gli ultimi casi di Caldes e Malè, con la presenza dell'orso in mezzo al paese hanno, comprensibilmente e giustamente, fatto ulteriormente salire il livello di paura da parte della popolazione che adesso è esasperata. Quindi le istituzioni, la Provincia in primis, devono cercare di mettere in atto le azioni che servono fare per dare sicurezza ai cittadini: è un percorso difficile, perché fuori dal Trentino la cosa non è compresa. Però passi avanti ne sono stati fatti negli ultimi mesi, con il governo in carica, e crediamo che sia un percorso con il quale riusciremo ad affrontare questa problematica”.
Ultimo aggiornamento: 25/06/2024 20:21:19
POTREBBE INTERESSARTI
Idro (Brescia) - La Provincia di Brescia ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione della deviante alla Sp...
Ric4rche in corso da parte dei vigili del fuoco di Riva del Garda
Valsugana (Trento) - Dopo qualche anno di assenza, ieri sera la bellezza del Concorso Miss Italia è tornata ad essere...
Allenatore delle Nazionali giovanili , morto a 66 anni
Monno (Brescia) - Una scritta con vernice rossa, il cippo che ricorda i caduti delle Seconda Guerra Mondiale è stata...
ULTIME NOTIZIE
A causa di un incidente ad Artogne, strada chiusa in mattinata
Bolzano - Prosegue incessantemente l’operato dell'Arma dei carabinieri di Bolzano e della Guardia di Finanza. Non...
Bolzano - La Squadra Mobile, a seguito di diverse denunce di furti commessi nei negozi all’interno dei centri...