Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Trentino, il report infortuni sul lavoro di Uopsal Inail: morti bianche in calo

Trento - In Trentino nel 2022 gli infortuni mortali sul lavoro, le cosiddette morti bianche, sono calati del 22 % rispetto all’anno precedente, inferiori anche rispetto all'epoca pre-pandemica.


IL REPORT
Il dato emerge dallo studio sugli infortuni sul lavoro mortali accaduti in Trentino nel quadriennio 2019-2022 condotto dall’Unità operativa prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (Uopsal) dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari e dall’Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro di Trento (Inail).

Occorre sottolineare che l’andamento complessivo nel quadriennio risulta in una certa misura condizionato dall’evento pandemico, come messo in evidenza dai tre decessi nel 2020 riconducibili all’infezione per Covid-19.


Il fenomeno infortunistico degli eventi mortali sul lavoro mette in evidenza una lieve diminuzione, dal momento che nel 2022 si è registrato un numero di casi inferiore rispetto al 2021, anno della ripresa produttiva, ma anche rispetto al 2019, anno pre-pandemia.


Nel quadriennio preso in considerazione da Uopsal e Inail gli infortuni segnalati sono stati rispettivamente 15 nel 2019, 16 nel 2020, 18 nel 2021 e 14 nel 2022. Ai sensi della normativa vigente sono compresi nel computo anche gli infortuni accaduti “in occasione di lavoro”, ovvero i decessi occorsi al di fuori dell’ambiente di lavoro vero e proprio. Rientrano in questa categoria gli incidenti avvenuti sulla strada, con o senza mezzo di trasporto, che sono distinti fra quelli “in itinere”, avvenuti cioè nel tragitto casa-lavoro, e quelli stradali, incidenti accaduti durante il normale orario di lavoro.


Più in particolare gli infortuni per i quali è stato individuato un nesso con l’attività lavorativa sono complessivamente, nel quadriennio, 12 nel 2019, 10 nel 2020, 13 nel 2021 e 9 nel 2022, mentre gli infortuni accaduti propriamente in ambiente di lavoro sono stati 7 nel 2019, 6 nel 2020, 8 nel 2021 (2 non denunciati ad Inail) e 6 nel 2022.


Per quanto riguarda gli infortuni accaduti ambiente di lavoro in base all’attività economica esercitata dalle aziende i settori agroforestale ed edilizia risultano quelli più costantemente colpiti dagli eventi mortali, nei confronti dei quali, come evidenzia il rapporto, deve rimanere alta, se non rafforzata l’attenzione, in considerazione del fatto che sono responsabili di una quota ancora importante di eventi mortali sul lavoro. Non poteva mancare anche in questo triste resoconto l’impronta lasciata dalla pandemia dovuta al Covid-19, con 3 casi di decesso nel 2020 collegati a infezione Covid, e un caso nel 2021, subìto però da un soggetto non tutelato da Inail.

Ultimo aggiornamento: 18/03/2023 00:50:08
POTREBBE INTERESSARTI
Olten (Svizzera) - Un risultato straordinario per l'Italia dell'Orienteering. Francesco Mariani ottiene un 11° posto con...
A Palù di Giovo è arrivato il titolo grazie a un terzo posto nella Classicissima Cantine Moser
L'evento al centro per lo sport ha appassionato gli alunni in gara
Intervento del presidente della Provincia di Sondrio, Davide Menegola
ULTIME NOTIZIE
Operazione delle Guardia di Finanza di Merano e Procura di Bolzano
Arrestato dalla Polizia di Stato 19enne