Ad
Ad
Ad

L’Europa approva il Programma FESR 2021-2027 della Provincia autonoma di Trento

sabato, 19 novembre 2022

Trento – La Commissione europea ha approvato, lo scorso 28 ottobre 2022, il Programma del Fondo europeo per lo sviluppo regionale della Provincia autonoma di Trento (FESR), che mette a disposizione per il settennio 2021-2027 un importo pari a 181 milioni, oltre 70 milioni in più rispetto al periodo precedente 2014-2020.

Tali risorse (40% dell’Unione europea, 42% dello Stato italiano e il restante 18% della Provincia) contribuiranno a soddisfare tre priorità fondamentali: Trentino competitivo, Trentino in rete e Trentino sostenibile, a sostegno in particolare, di interventi riguardanti la ricerca e l’innovazione, la competitività delle piccole e medie imprese trentine, il potenziamento delle competenze, la digitalizzazione e la connettività digitale, l’efficientamento energetico di imprese ed edifici pubblici oltre che prevenzione del rischio catastrofi.

La Giunta provinciale aveva comunque deciso, su proposta dell’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli, di anticipare i tempi dell’approvazione del programma, mettendo a disposizione delle imprese trentine già a partire dallo scorso maggio 17,5 milioni di contributi europei per dare risposte concrete e veloci alle sfide che il territorio trentino si trova ad affrontare.

L’avviso FESR 1/2022 mira a rafforzare la crescita sostenibile e la competitività delle PMI e la creazione di posti di lavoro in esse, tramite il rilancio della propensione agli investimenti nel sistema produttivo delle imprese finanziando investimenti materiali e immateriali volti a migliorare i processi aziendali. L’avviso FESR 2/2022, invece, ha come obiettivo quello di incrementare la produzione di energia da fonti rinnovabili, in particolar modo incentivando investimenti in impianti fotovoltaici combinati a sistemi di accumulo; questo avviso si rivolge alle piccole, medie e grandi imprese.

Tali spese, ora che il Programma è approvato, andranno ad essere rendicontate all’Unione europea e contribuiranno a raggiungere i stringenti target di spesa degli anni futuri.

Il Programma FESR 2021-2027 è stato predisposto dal Servizio Pianificazione strategica e programmazione europea, che svolgerà anche il compito di Autorità di Gestione, ed è frutto del lavoro sinergico realizzato di concerto con i dipartimenti provinciali competenti per materia ed il partenariato, raccogliendo le istanze provenienti dagli enti e soggetti istituzionali, dalle parti economiche e sociali e dai rappresentanti della società civile.

Nel corso delle prossime settimane saranno avviati tutti gli adempimenti previsti dai regolamenti europei per dare attuazione al nuovo Programma, a partire dall’insediamento del Comitato di sorveglianza, unico per il FSE+ e per il FESR, che avrà il compito di sorvegliare la realizzazione delle attività previste.

Informazioni sul FESR sono disponibili sul sito https://fesr.provincia.tn.it/



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136