Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Trentino, rischio gelate fino a venerdì 26 aprile: le previsioni

L'avviso di Meteotrentino e Fondazione Mach

Trento - Il Trentino, che da una settimana vive una situazione di variabilità meteorologica con temperature ben al di sotto della media del periodo. Fresco e nuvolosità accompagneranno anche i prossimi giorni e soprattutto durante la notte, con le temperature che scenderanno sotto lo zero mediamente oltre i 1100 metri, ma anche a quote inferiori.
Meteotrentino, d’intesa con la Fondazione Edmund Mach (nella foto), avvisa di gelate per le prossime tre notti, quando lo zero termico è atteso a quota 1100 - 1300 metri ma con la colonnina potrà anche toccare valori negativi soprattutto oltre i 500 metri di quota, nelle zone pianeggianti e poco ventilate, in caso di schiarite.

Le previsioni
Nella prossima notte è prevista estesa nuvolosità, tuttavia, prima dell’alba, soprattutto nelle vallate occidentali sono possibili delle schiarite e quindi non è escluso che le temperature possano scendere localmente su valori prossimi o poco inferiori a 0°C, soprattutto nelle zone pianeggianti e poco ventilate alle quote più alte.

Nella notte tra mercoledì e giovedì è attualmente prevista nuvolosità scarsa e venti assenti o deboli; tuttavia l’umidità dell’aria sarà piuttosto alta e ciò potrebbe limitare il calo termico favorendo la formazione di foschie o nubi basse soprattutto alle quote più basse e sui settori meridionali. Ciononostante, soprattutto oltre 500 metri nelle zone pianeggianti e poco ventilate, le temperature potranno scendere 2 – 4 gradi sotto lo zero.

Nella notte tra giovedì e venerdì possibili annuvolamenti specie dopo mezzanotte e sui settori centro meridionali ma l’incertezza della previsione della nuvolosità ed i venti assenti o deboli non permettono di escludere che nelle zone pianeggianti le temperature possano scendere su valori prossimi o poco inferiori a 0 °C anche a quote basse. In seguito previsto l'afflusso di aria più mite proveniente da sud.

Torna il freddo, riacceso il riscaldamento
A causa del notevole abbassamento delle temperature, i tecnici del servizio Gestione fabbricati del Comune di Trento già da ieri hanno riattivato gli impianti di riscaldamento delle scuole materne e degli asili nido. È in corso anche la riaccensione del riscaldamento delle scuole elementari e medie, che da domani avranno tutti gli impianti funzionanti. Da ultimo sarà rimesso in funzione il riscaldamento delle sale riunioni, degli uffici comunali e della sala del consiglio comunale. La proroga è stata disposta fino al prossimo 3 maggio.

Per quanto riguarda le abitazioni private, si ricorda che, secondo la normativa, attualmente sotto i 430 metri sul livello del mare si può tenere acceso il riscaldamento per un massimo di 7 ore al giorno. Sopra i 430 metri sul livello del mare il funzionamento degli impianti termici invece non è soggetto ad alcuna limitazione né riguardo al periodo dell'anno né alla durata giornaliera.
Ultimo aggiornamento: 23/04/2024 19:55:55
-

Trentino, rischio gelate fino a venerdì 26 aprile: le previsioni

L'avviso di Meteotrentino e Fondazione Mach

Trento - Il Trentino, che da una settimana vive una situazione di variabilità meteorologica con temperature ben al di sotto della media del periodo. Fresco e nuvolosità accompagneranno anche i prossimi giorni e soprattutto durante la notte, con le temperature che scenderanno sotto lo zero mediamente oltre i 1100 metri, ma anche a quote inferiori.
Meteotrentino, d’intesa con la Fondazione Edmund Mach (nella foto), avvisa di gelate per le prossime tre notti, quando lo zero termico è atteso a quota 1100 - 1300 metri ma con la colonnina potrà anche toccare valori negativi soprattutto oltre i 500 metri di quota, nelle zone pianeggianti e poco ventilate, in caso di schiarite.

Le previsioni
Nella prossima notte è prevista estesa nuvolosità, tuttavia, prima dell’alba, soprattutto nelle vallate occidentali sono possibili delle schiarite e quindi non è escluso che le temperature possano scendere localmente su valori prossimi o poco inferiori a 0°C, soprattutto nelle zone pianeggianti e poco ventilate alle quote più alte.

Nella notte tra mercoledì e giovedì è attualmente prevista nuvolosità scarsa e venti assenti o deboli; tuttavia l’umidità dell’aria sarà piuttosto alta e ciò potrebbe limitare il calo termico favorendo la formazione di foschie o nubi basse soprattutto alle quote più basse e sui settori meridionali. Ciononostante, soprattutto oltre 500 metri nelle zone pianeggianti e poco ventilate, le temperature potranno scendere 2 – 4 gradi sotto lo zero.

Nella notte tra giovedì e venerdì possibili annuvolamenti specie dopo mezzanotte e sui settori centro meridionali ma l’incertezza della previsione della nuvolosità ed i venti assenti o deboli non permettono di escludere che nelle zone pianeggianti le temperature possano scendere su valori prossimi o poco inferiori a 0 °C anche a quote basse. In seguito previsto l'afflusso di aria più mite proveniente da sud.

Torna il freddo, riacceso il riscaldamento
A causa del notevole abbassamento delle temperature, i tecnici del servizio Gestione fabbricati del Comune di Trento già da ieri hanno riattivato gli impianti di riscaldamento delle scuole materne e degli asili nido. È in corso anche la riaccensione del riscaldamento delle scuole elementari e medie, che da domani avranno tutti gli impianti funzionanti. Da ultimo sarà rimesso in funzione il riscaldamento delle sale riunioni, degli uffici comunali e della sala del consiglio comunale. La proroga è stata disposta fino al prossimo 3 maggio.

Per quanto riguarda le abitazioni private, si ricorda che, secondo la normativa, attualmente sotto i 430 metri sul livello del mare si può tenere acceso il riscaldamento per un massimo di 7 ore al giorno. Sopra i 430 metri sul livello del mare il funzionamento degli impianti termici invece non è soggetto ad alcuna limitazione né riguardo al periodo dell'anno né alla durata giornaliera.
Ultimo aggiornamento: 23/04/2024 19:55:55
POTREBBE INTERESSARTI
Dopo la formazione in Valfurva quattro camuni e tre della Valsabbia hanno conseguito la qualifica di capisquadra
Al ballottaggio ha vinto la colazione di centrodestra sostenuta da Chiari al centro: i risultati
Ha presentato i concorsi "Fiormaggi" e "Un fiore nel piatto" al festival Gustò di Orbassano
Il tempestivo intervento dei carabinieri ha evitato il peggio
Stasera primo consiglio comunale dopo le elezioni dell'8 e 9 giugno
ULTIME NOTIZIE
Brilla Manuel Verzeroli, primo nella categoria Youth
Bolzano - Le Pattuglie della Squadra “Volanti” Polizia di Stato sono state chiamate più volte a fronteggiare furti e...