Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trentino, approvato il Piano Operativo provinciale per il recupero delle liste di attesa

giovedì, 26 novembre 2020

Quando:
28 novembre 2020@16:55–17:55 Europe/Rome Fuso orario
2020-11-28T16:55:00+01:00
2020-11-28T17:55:00+01:00

Il Piano Operativo provinciale per il recupero delle liste di attesa, previsto dal decreto legge 104/2020, è un documento che ogni regione e provincia autonoma deve elaborare per corrispondere alle richieste di prestazioni ambulatoriali, screening e di ricovero ospedaliero non erogate nel periodo dell’emergenza Coronavirus. Il Piano è stato elaborato ancora lo scorso mese di agosto e trasmesso al Ministero della Salute e a quello dell’Economia e delle Finanze l’11 settembre. Dopo confronto con i tecnici dei Ministeri coinvolti, al fine della materiale erogazione del finanziamento, ieri la Giunta provinciale, su indicazione dell’assessore alla salute Stefania Segnana, ha approvato formalmente il Piano che corrisponde a complessivi 4.257.256 euro.

“In base al decreto legge 104/2020 è possibile avvalersi degli strumenti straordinari come assunzioni, ricorso alle prestazioni orarie aggiuntive e aumento del monte ore dell’assistenza specialistica convenzionata, anche in deroga ai vincoli previsti dalla legislazione. E questo al fine di ridurre le liste di attesa congelate in seguito all’emergenza sanitaria – spiega l’assessore Segnana -. Ma dobbiamo purtroppo fare i conti con il repentino aumento del numero di infezioni da Sars-CoV-2 di queste settimane, che stanno impegnando fortemente il sistema sanitario trentino nella gestione dei ricoveri ospedalieri. Con questo provvedimento prendiamo atto che è necessario procedere ad una graduale rimodulazione dell’attività programmata differibile, nel rispetto dei princípi di appropriatezza e di efficienza dei percorsi di cura – conclude l’assessore provinciale -. Vi sarà quindi un inevitabile rallentamento delle tempistiche del Piano, che troverà concreta e completa attuazione nel corso del 2021”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136