Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Nel castello di Gorzone la mostra del fotografo Attanasio

Darfo Boario Terme - Aperta la mostra Castelli Fantasmi Leggende del fotografo Salvatore Attanasio nel castello di Gorzone. Nelle foto viene raccontata una leggenda tramandata e sussurrata da secoli, che arriva fino ai giorni nostri attraverso la penna di Gian Mario Andrico.


I quindici scatti in bianconero presentano scene pur tragiche ma mai grottesche e i saloni di questo antico maniero accolgono nella penombra le immagini per lasciare che il visitatore possa lasciarsi trasportare dalla narrazione.


Il castello sorge su uno sperone roccioso compreso tra il paese di Gorzone ed il fiume Dezzo, è una costruzione spoglia, austera, con finestre ad arco acuto, senza più torri. In una foto del 1920 si vedono i resti di almeno una torre. All'esterno un ampio parco orientato verso est, mentre sui lati meridionale e occidentale è presente una scoscesa scarpata che scende nel fiume Dezzo. La struttura risalirebbe al 1160, ad opera della famiglia Brusati, poi divenuta Federici, ghibellini, alleati di Federico Barbarossa.

Nel 1287, a seguito della grande ribellione camuna, il comune di Brescia, emette un bando contro la famiglia Federici con una ricompensa per la distruzione delle sue rocche.


Il castello venne distrutto e saccheggiato nel 1288, ma grazie alla riappacificazione tra la famiglia ghibellina ed il Comune bresciano, grazie all'arbitrato di Matteo Visconti, la rocca venne ricostruita tra la fine del XIII e l'inizio del XIV secolo. Negli anni 1490-1495, grazie alla pax veneta, il castello perde la sua funzione di rocca e si trasforma in residenza signorile, ampliandosi e costruendo un loggiato interno in stile veneziano. Inciso sulla pietra simona del portale d'ingresso, oltre allo stemma dei Federici (scacchi d'argento trasversali in campo azzurro) quello dei signori veronesi Della Scala. Il giardino interno, sul quale si affaccia un loggiato con archi e colonne ricchi di stemmi, presenta un pozzo di raccolta d'acqua piovana. All'interno sono presenti sale, pareti finemente decorate, soffitti a cassettone con pregevoli decorazioni.


La mostra del fotografo Salvatore Attanasio al castello di Gorzone sarà visitabile fino al 31 luglio tutti i giorni dalle 14.30 alle 18.15, sarà possibile anche prenotare una visita con accompagnamento con scansione oraria 14.30 – 16 – 17.30.
Per info: tel. 348 7947225 e mail: lontanoverde@gmail.com

Ultimo aggiornamento: 19/07/2021 09:21:46
POTREBBE INTERESSARTI
Rogno (Bergamo) - Nuova apertura Lube Store Val Camonica in via Montegrappa a Rogno. Dal 27 maggio al 2 giugno ci...
La novità annunciata dopo incontro progetto Polis
ULTIME NOTIZIE
Le decisioni del Questore dopo controlli ed episodi di cronaca
Per verosimili motivi di gelosia: moldavo 48enne arrestato dai carabinieri
Intensificati i controlli dei carabinieri nel capoluogo: il bilancio