Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Un arresto e due denunce della Polizia di Stato tra Valtellina e Valchiavenna

martedì, 2 marzo 2021

Sondrio – A Sondrio il personale della locale Squadra Mobile, unitamente al personale della Volante della Questura valtellinese, ha arrestato un cittadino extracomunitario (D.S. le iniziali), 27 anni, residente fuori provincia, trovato in possesso di uno zaino contenente dieci panetti di sostanza stupefacente di tipo hashish del peso di 100 grammi ciascuno, per un peso complessivo netto di 1 kg.

Lo stesso, sottoposto a controllo mentre si trovava nei pressi della locale stazione ferroviaria, alla richiesta di esibizione di un documento personale, provava subito a darsi alla fuga, venendo però prontamente fermato dagli operatori della Polizia di Stato che, nel corso delle successive verifiche, hanno recuperato lo stupefacente all’interno dello zaino portato a spalla dal giovane cittadino straniero.

Successivamente accompagnato negli uffici della Questura, una volta espletate le formalità di rito, il soggetto è stato associato alla casa circondariale, a disposizione della locale Autorità Giudiziaria.

Nei servizi di controllo del territorio, personale della Mobile ha sottoposto a controllo gli occupanti di una Ford Fiesta di colore bianco la cui targa era da ricercare nell’ambito di una pregressa attività investigativa, seguita al furto perpetrato in data 18 dicembre 2020, presso il negozio “Lenoci & De Peverelli” di Sondrio, nel corso del quale furono asportati circa 400 euro.

La coppia, appena uscita da un’attività commerciale di Prata Camportaccio, è stata trovata in possesso di merce appena trafugata ed all’atto della perquisizione, estesa al veicolo di loro proprietà, il personale della Polizia di Stato ha rinvenuto un ingente quantitativo di merce, risultata essere anch’essa di provenienza furtiva.

I due cittadini italiani, M.C. di 62 anni e D.M.G. di 60 anni, residenti fuori provincia, già noti agli archivi di polizia per i medesimi reati contro il patrimonio, sono stati pertanto denunciati all’Autorità Giudiziaria per concorso nel reato di furto.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136