Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Sospeso esercizio commerciale di Orzinuovi

venerdì, 1 novembre 2019

Brescia – E’ stata disposta dal Questore della Provincia di Brescia ed eseguita da personale della Divisione P.A.S.I. insieme ai Carabinieri nella mattinata di ieri, la chiusura del  Bar “Cafè del Mar” nel comune di Orzinuovi.

pol carIl provvedimento scaturisce dagli esiti dei numerosi controlli effettuati dalla Questura di Brescia, anche in collaborazione con le altre Forze di Polizia, in particolari contesti urbani evidenziati per la presenza di individui legati al contesto criminale degli stupefacenti e della tossicodipendenza.

In particolare,  lo scorso 19 ottobre, una pattuglia dei Carabinieri, durante lo svolgimento di un servizio coordinato in ambito provinciale era costretta ad intervenire all’interno del suddetto esercizio, in merito ad una rissa. Nella circostanza era stato ferito un pregiudicato in evidente stato di ubriachezza.

Tenuto conto che già in precedenza una ragazza minorenne, aveva ingerito un’elevata quantità di alcolici all’interno suddetto bar, senza che la titolare si preoccupasse di verificarne l’età, costringendo il padre ad accompagnare sua figlia presso il Pronto Soccorso per intossicazione alcolica.

Alla luce di ciò, accertato che il suddetto locale  è risultato essere abituale  ritrovo di persone con pregiudizi per reati in materia di stupefacenti, tenuto conto che la titolare  del suddetto locale non si è adoperata per garantire le condizioni minime di legalità nella gestione del singolo esercizio commerciale, il Questore ha disposto la sospensione dell’esercizio (ex art. 100 T.U.L.P.S.) dell’attività per un periodo di 15 giorni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136