Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Sesto, cinque kosovari denunciati dai carabinineri per violazione della quarantena-Covid

Sesto - I militari della Stazione Carabinieri di Sesto hanno denunciato cinque persone – tutti kosovari di lingua albanese – ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di epidemia colposa e violazione delle prescrizioni dell’autorità sanitaria.


sesto pusteriaL’indagine è stata condotta in collaborazione con l’ASDAA/SABES di Bolzano e l’informativa alla Procura della Repubblica del Capoluogo altoatesino riguarda tre soggetti positivi al virus COVID-19 e due conviventi di due dei positivi.

Si tratta di tre maschi tra i 28 e i 60 anni, tutti impiegati nel settore turistico, e due donne di 25 e 60 anni non impiegate.


L’ufficio igiene SABES di Brunico aveva intimato a tutti l’obbligo di permanenza domiciliare per u minimo di giorni 15 a decorrere dal 30 luglio scorso.


Uno di essi è stato visto dai carabinieri di Sesto a spasso per il paese pur essendo sottoposto a obbligo di quarantena in quanto positivo al virus. Il reato a lui contestato è il più grave: epidemia colposa.


Gli altri quattro sono rientrati dal Kosovo ma – pur avendone obbligo – non hanno comunicato all’ASDAA – l’ingresso in Italia e l’arrivo a Sesto. Non solo, si sono anche presentati al lavoro, noncuranti del potenziale gravissimo pericolo a cui avrebbero sottoposto gli altri.


I controlli incrociati tra gli ingressi o rientri dall’estero, sulla base del paese di provenienza, e le liste fornite da ASDAA/SABES continuano quotidianamente senza sosta. I carabinieri di Bolzano e provincia sin da marzo hanno collaborato con ASDAA/SABES per individuare compiutamente soggetti da sottoporre a quarantena di cui si avevano solo anagrafiche parziali. Dopodiché i militari dell’Arma si sono attivati per verificare che i malati e non sottoposti a quarantena non andassero in giro e conseguentemente si sono impegnati – e sicuramente continueranno fino a fine epidemia – a perseguire ferreamente i trasgressori secondo le norme – amministrative o penali – violate.

Ultimo aggiornamento: 11/08/2020 17:28:03
POTREBBE INTERESSARTI
Sono 50 gli indagati dalla Guardia di Finanza di Reggio Emilia per reati fiscali
Roma - Esame di maturità per 526.317 studenti italiani, poco più di 8mila bresciani, di cui 1.200 tra Valle Camonica,...
Sondrio - Maltrattamemnti sulla moglie, imprenditore valtellinese arrestato. Il 35enne è accusato di stalking e lesioni....
Brescia - Un insegnante di religione residente nel Bresciano è stato arrestato per pedopornografia. L'inchiesta della...
Campagna “Maturità al sicuro” della Polizia di Stato e di Skuola.net per contrastare le fake news
Civo (Sondrio) - I carabinieri della Stazione di Morbegno, durante il servizio di perlustrazione in località Ronchetto...
ULTIME NOTIZIE
Ceto (Brescia) - Ultimo saluto a Brigida Andreina De Pari, 82 anni. Nel pomeriggio si terranno le esequie di...
Cles (Trento) - Domani - giovedì 20 giugno, alle 18 - si alzerà il velo a Cles sulla nuova mostra “Valentino Ruatti....
Venerdì 21 giugno "Yoga day", sabato 22 lo spettacolo "Mago per svago"