Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Ospitaletto, gestivano “case chiuse”: i carabinieri denunciano tre persone

Ospitaletto - Gestivano “case chiuse”, i carabinieri denunciano un uomo e due donne per favoreggiamento della prostituzione.

I carabinieri della Stazione di Ospitaletto (Brescia) a conclusione di una articolata attività di indagine intrapresa di iniziativa lo scorso mese di gennaio e protrattasi sino allo scorso luglio, hanno scoperto e disarticolato una organizzazione dedita allo sfruttamento della prostituzione.


Brescia - carabinieriNotato un sospetto via via di persone nei pressi di un locale commerciale situato nella zona industriale di Ospitaletto i militari predisponevano diversi servizi di monitoraggio.
Appuravano che le continue visite alla struttura, in pieno giorno, erano riconducibile alla possibilità di usufruire di prestazioni sessuali a pagamento.


Venivano quindi individuati tre soggetti, tutti italiani, un uomo e due donne, quali gestori della proficua attività. In particolare l’uomo reperiva i locali da usare come casa di appuntamenti mentre le due donne gestivano i contatti con i clienti e le prostitute occupandosi anche della contabilità e della pubblicazione delle inserzioni pubblicitarie sui siti di annunci.


L’indagine, che subiva una battuta d’arresto durante i mesi di forzata chiusura a causa della difficile situazione sanitaria legata all’epidemia di Covid-19 veniva riattualizzata alla riapertura delle attività accertando che l’attività di meretricio era ripresa nelle consuete modalità tanto che i militari riuscivano ad individuare un altro locale commerciale ad Erbusco e un appartamento a Lonato del Garda usati dall’organizzazione quali alcove per gli incontri fra prostitute e clienti.


All’esito dell’attività investigativa i locali sono stati sequestrati dai carabinieri di Ospitaletto su disposizione della Procura di Brescia e l’illecita attività interrotta, i tre dovranno rispondere di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

Ultimo aggiornamento: 07/08/2020 10:03:52
POTREBBE INTERESSARTI
Il tempestivo intervento dei carabinieri ha evitato il peggio
Bolzano - Le Pattuglie della Squadra “Volanti” Polizia di Stato sono state chiamate più volte a fronteggiare furti e...
I militari delle Fiamme Gialle altoatesine hanno scoperto nello zaino 115 dosi di cocaina
ULTIME NOTIZIE
I nuovi gestori sono Francesco Cavagnoli e Sara Bianchi: "La nostra proposta nel segno del ritorno alle tradizioni"
Corsi dal lunedì al venerdì, il vicepresidente Manzini: "Puntiamo su progetto inclusivo sportivo, sociale e ambientale"
Rigatti: “Un grande valore aggiunto non solo per il Comune di Nago-Torbole, ma per tutto il Garda Trentino”