Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Capriolo: in un locale con petardi illegali, 50enne denunciato dai carabinieri

domenica, 17 novembre 2019

Capriolo - Detenzione di materie esplodenti. Nelle prime ore di ieri i carabinieri della stazione di Capriolo (Brescia) hanno segnalato alla Procura della Repubblica di Brescia un cittadino italiano, 50 anni, per detenzione e porto di materiale esplodente.

L’uomo alle 4:30 circa era stato notato dal personale addetto alla sicurezza di un noto locale da ballo aggirarsi in modo sospetto all’interno della struttura con un insolito rigonfiamento degli abiti indossati. L’intervento dei carabinieri aveva consentito di accertare che l’uomo aveva nascosto sotto la maglia tre grossi petardi di fattura artigianale (ogni petardo è un candelotto lungo 10 cm per 3 cm di diametro), privi di qualsiasi marchio di fabbrica, che recavano la scritta “Rambo 2”. La successiva perquisizione domiciliare consentiva di rinvenire e sequestrare altri sette petardi identici a quelli trovati addosso all’uomo che non ha fornito alcuna spiegazione al suo gesto.

petardiUna rapida ricerca su finti aperte ha evidenziato tuttavia che il tipo di petardo risulta commercializzato anche on line. Tale evidenza fa supporre che l’uomo fosse solo in cerca di possibili acquirenti per “piazzare” i suoi gadget in vista delle vicine festività di fine anno guadagnando qualcosa.

Sono in corso accertamenti dei Carabinieri di Capriolo per risalire la filiera di distribuzione dei petardi sequestrati che avrebbero potuto comunque avere effetti devastanti se usati in modo improprio e in considerazione della provenienza non nota che non garantisce il rispetto di alcun parametro di sicurezza.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136