Ad
Ad


Stop a cessione crediti Superbonus, il commento di Ance Lecco Sondrio

sabato, 18 febbraio 2023

Sondrio – Crescono le proteste degli operatori del settore edile in tutta Italia dopo la decisione del Governo di bloccare la cessione dei crediti nell’ambito del Superbonus. Ance Lecco Sondrio chiede tutela e risposte urgenti per chi si è già mosso coi lavori per il Superbonus.

“Il decreto con cui  il Governo, in tema di Superbonus, blocca per i nuovi interventi lo sconto in fattura e la cessione dei crediti costituisce un provvedimento che, se anche come sistema Ance non condividiamo, siamo costretti ad accettare perché, stando alle dichiarazioni espresse dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti, si rende necessario per mettere in sicurezza i conti pubblici. È chiaro che cambia radicalmente lo scenario d’ora in avanti per chi voglia rinnovare il proprio patrimonio immobiliare”. 

Ad affermarlo è il presidente di Ance Lecco Sondrio Sergio Piazza (foto @Peverelli), che continua: “Certo è che questa decisione richiede da parte del Governo l’elaborazione di un nuovo modello di incentivazione per favorire l’ammodernamento del patrimonio edilizio esistente, anche per poter far fronte alle richieste dell’Unione europea di raggiungere gli obiettivi di efficientemente energetico fissati e ridurre l’inquinamento e il consumo energetico di cui, ricordiamo, il parco immobiliare obsoleto è tra le principali cause. È una priorità per il Paese, oltre che un fattore trainante per lo sviluppo del nostro settore”.

“Fondamentale è comunque che il Governo dia con urgenza una risposta a tutti coloro che, fino ad oggi, hanno fatto affidamento sugli istituti concessi dai governi precedenti, in tema di sconto in fattura e cessione dei crediti. – ribadisce il presidente di Ance Lecco Sondrio – Chi si è mosso sul Superbonus seguendo quanto previsto dalla legge deve essere tutelato e garantito: mi riferisco alle imprese che oggi, se non si pone rimedio con urgenza alla soluzione dei crediti incagliati, rischiano il fallimento e alle famiglie che si sono indebitate. Sotto questo aspetto, se è vero che il Governo ha deciso di chiudere l’esperienza da poco avviata da alcuni enti pubblici di acquistare i crediti incagliati, deve spiegarci quale soluzione alternativa intende adottare. È una questione di giustizia, prima ancora che un pericolo sociale ed economico dagli impatti devastanti”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136