Ad
Ad


Sondalo: nuovo mammografo 3D per l’ospedale Morelli

giovedì, 14 luglio 2022

Sondalo – Nuovo apparecchio per la mammografia 3D con tomosintesi arrivato all‘ospedale Morelli. La Breast Unit aziendale completa la sua dotazione grazie alla donazione di Fondazione Pro Valtellina, Insieme per vincere, Insieme per un sorriso, Amazzoni e Amici della Croce di Campiano.
Con l’installazione della nuova apparecchiatura per la mammografia 3D con tomosintesi si porta all’ospedale morelli: riduzione di tempi e più accuratezza per un miglioramento della diagnosi complessiva. Questo macchinario potenzia ancora di più le varie diagnosi portano un servizio molto qualificato per la prevenzione e la cura del tumore al seno. Conclusa settimana scorsa l’installazione, lunedì il nuovo mammografo è entrato in funzione presso la Radiologia. Un’apparecchiatura di ultima generazione, analoga a quella in dotazione alla Breast Unit dell’Ospedale di Sondrio, del costo di oltre 170 mila euro.

La mammografia 3D con tomosintesi è la tecnica di imaging tridimensionale che permette di ricostruire immagini volumetriche ottenute con angolazioni diverse del tubo radiogeno. La ricostruzione volumetrica consente di superare uno dei limiti principali dell’immagine bidimensionale, ovvero il mascheramento di lesioni causato dalla sovrapposizione di strutture normali, con la conseguenza di ridurre il numero di falsi negativi e di falsi positivi. La tomosintesi, infatti, è in grado di rendere visibili e meglio analizzabili nella forma, nei contorni, nella disposizione e nel numero le lesioni non evidenziate o mal rappresentate dalla mammografia. Una metodica diagnostica all’avanguardia che permette di eseguire biopsie sotto guida stereotassica 3D e di ricorrere a nuove modalità di diagnosi come l’utilizzo del mezzo di contrasto: caratteristiche capaci di migliorare sensibilmente la diagnostica della patologia mammaria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136