Ad
a
Ad
Ad
a
Ad


Luca Fabi è il nuovo presidente di ANCE Lecco Sondrio: i neoeletti

mercoledì, 31 maggio 2023

Sondrio – È Luca Fabi il nuovo presidente di ANCE Lecco Sondrio: ad eleggerlo è stata l’Assemblea degli iscritti, riunitasi in forma privata, che ha eletto anche Luca Tentori (Tentori Alessandro Srl – Lecco) e Michele Rigamonti (Impresa Rigamonti SpA – Sondrio) quali Vicepresidenti e Andrea Confortola (Conf. Costruzioni Srl – Bormio) quale Tesoriere.

Cinquant’anni anni, sposato con 3 figli, residente a Malgrate, Diplomato al Liceo Classico A. Manzoni di Lecco, Laureato in Economia alla LIUC con una tesi sul Controllo di Gestione delle Imprese Edili, Luca Fabi è amministratore dell’impresa Savai srl di Malgrate, impresa che rappresenta il passaggio generazionale di una lunga tradizione famigliare (dal 1932), alla terza generazione, nel settore dell’edilizia residenziale, nella provincia di Lecco e di Varese.

Dopo l’esperienza in ANCE nel Gruppo giovani ricoprendo la carica di Vicepresidente, entra nel Consiglio Drettivo e dal 2013 fino ad oggi è stato Tesoriere dell’Associazione. Fabi ha al suo attivo anche impegno in ambito sociale come Presidente della proloco di Malgrate.

“In questi anni – ha esordito il neo-presidente, che guiderà ANCE Lecco Sondrio fino al 2027 – ho potuto maturare una ricca esperienza in ambito associativo: promuovere l’incontro e lo scambio di esperienze tra imprenditori e diffondere il valore dell’Associazione saranno tra le priorità della mia presidenza, a fianco del consolidamento dei servizi per gli associati e dello sviluppo di progetti comuni con le altre associazioni di categoria e con le istituzioni dei territori che rappresentiamo. Intendo proseguire sulla strada che abbiamo costruito in questo decennio insieme a Sergio Piazza, sviluppando sinergie con il sistema ANCE regionale e nazionale: nella sua nuova veste di Vicepresidente nazionale sarà un prezioso canale per fare arrivare a Roma le istanze dei nostri territori”.

Proprio Sergio Piazza, poco prima, aveva tenuto la sua ultima relazione da presidente di ANCE Lecco Sondrio, incarico che l’ha visto guidare l’associazione dei costruttori dal 2013: “Sono stati anni complessi e difficilissimi, caratterizzati da continui cambiamenti di scenario. – ha ricordato – Anni in cui il nostro settore ha subito pesantissime perdite di imprese e posti di lavoro e in cui per lungo tempo ci siamo sentiti letteralmente abbandonati da tutti, a cominciare dalle Istituzioni e dal sistema bancario. Solo a partire da fine 2018 l’edilizia è tornata a ripartire, anche se prima la pandemia, poi l’aumento vertiginoso dei prezzi delle materie prime e infine le conseguenze dello scoppio della guerra russo-ucraina con il conseguente aumento dei costi dell’energia e dei combustibili ne hanno frenato il rilancio, innescato da un lato dalla ripresa degli investimenti pubblici con la sospensione del Patto di stabilità e l’approvazione del PNRR e dall’altro dagli incentivi fiscali per la riqualificazione del patrimonio edilizio”.

“Un contesto, dunque, costantemente cangiante e mutevole, – ha sottolineato Piazza – che ha richiesto a tutti noi continui cambi di rotta e adeguamenti di strategie per reagire alla situazione e continuare a restare sul mercato. Con una difficoltà in più, che in questo decennio, purtroppo, si è confermata come la vera zavorra della nostra attività: la burocrazia. In questo scenario abbiamo dimostrato il coraggio di saper affrontare un profondo cambiamento nell’organizzazione del lavoro e dell’impresa, di innovare radicalmente processi e materiali, di ascoltare il mercato e le sue richieste, di investire con determinazione nelle nostre aziende. Parallelamente, a livello associativo, grazie alla forte coesione interna, abbiamo messo in campo una serie di provvedimenti volti da un lato a garantire una sempre elevata qualità dei servizi di informazione, assistenza e consulenza per le imprese iscritte, dall’altro ad introdurre ulteriori opportunità di risposta in relazione ai nuovi bisogni, dall’altro ancora a conseguire performances di efficienza, sviluppando importanti sinergie con altre realtà territoriali del sistema di ANCE Lombardia e riorganizzando in un modello a rete sia l’attività della formazione e dell’aggiornamento, sia il sistema delle Casse Edili”.

Piazza ha evidenziato in particolare il positivo esito dell’unificazione di Lecco e Sondrio: “Una scelta anche in questo caso coraggiosa e al tempo stesso lungimirante per le opportunità di sviluppo che ci ha aperto su un territorio da sempre profondamente interconnesso a quello lecchese, sebbene caratterizzato da una identità differente e peculiare. E oggi possiamo dire che questo processo, avviatosi nel 2016, sia pienamente concluso”.

Al termine del suo intervento, particolarmente applaudito, è stato Luigi Colombo a nome di tutto il Consiglio direttivo uscente a consegnare a Sergio Piazza, quale segno di gratitudine, un quadro ad olio di Giancarlo Vitali, artista particolarmente legato ad ANCE Lecco Sondrio, in cui sono ritratti alcuni musicisti: “Sei stato un grande direttore d’orchestra nella nostra Associazione – ha sottolineato Colombo – ma ora ti attende il compito di continuare ad esserlo a livello nazionale”.

L’Assemblea ha provveduto anche a rinnovare il proprio Consiglio Direttivo che, oltre al Consiglio di Presidenza, sarà composto per il quadriennio 2023/2027 da:

Colombo Luigi – Colombo Costruzioni spa di Lecco

Corti Natale – Corti Costruzioni srl di Galbiate

Gaddi Giandavide – Gaddi srl di Mandello del Lario

Gerosa Giovanni – Aurora srl di La Valletta Brianza

Guerini Sebastiano – Betonvaltellina di Tirano

Nogara Giulio – Nogara Strade srl di Taceno

Piazza Sergio – Piazza Carlo & C. srl di Introbio

Pozzi Daniele – Locatelli F.lli srl di Introbio

Valassi Paolo – Valassi Costruzioni srl di Lecco

Valsecchi Alessandro – Edilizia Valsecchi srl di Costa Masnaga.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136