Ad
Ad


Grandi predatori, avvistata una Lince a Valfurva: mancava da 10 anni sul territorio

martedì, 30 novembre 2021

Valfurva – L’avvistamento è avvenuto qualche giorno fa nel territorio di Valfurva (Sondrio): protagonista una lince, “catturata” grazie all’attività di fototrappolaggio svolta dal personale del Parco dello Stelvio. La presenza di questo magnifico animale è una testimonianza del successo delle attività di conservazione effettuate dal Parco, la cui diversità biologica è in grado di garantirne la presenza sul territorio. Allo stato attuale, non è ancora possibile conoscere la provenienza dell’animale – ma è probabile si tratti di un esemplare proveniente dalla vicina Svizzera – e nemmeno se si tratti di una presenza stabile o temporanea.

A distanza di oltre 10 anni dalla prima segnalazione, questo secondo avvistamento testimonia il progressivo ritorno del magnifico felino sul territorio, dal quale era scomparso da oltre un secolo. L’attività di monitoraggio che ha permesso di accertare la presenza della lince rientra nell’ambito di un progetto di ricerca in corso nel Parco dal 2019, che ha come obiettivo quello di comprendere i rapporti fra le diverse componenti all’interno degli ecosistemi: tramite utilizzo di diverse metodologie, fra cui fototrappole, campionamenti vegetazionali e analisi del DNA, verranno indagate la distribuzione e l’abbondanza di diverse specie di mammiferi e il loro impatto su altre specie animali e vegetali. Queste indagini risultano di particolare interesse alla luce dei recenti cambiamenti che il territorio, e più in generale tutti i territori alpini, stanno vivendo in anni recenti.

Le variazioni climatiche e il ritorno spontaneo di grandi predatori rappresentano sfide importanti per la gestione delle risorse ambientali alpine; il parco dello Stelvio può a tutti gli effetti essere visto come un grande “laboratorio a cielo aperto” dove sarà possibile approfondire le conoscenze dei complessi rapporti degli ecosistemi montani, presupposto fondamentale per ricercare un equilibrio tra le attività dell’uomo e la natura oltre a una corretta gestione delle risorse naturali.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136