Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Pendolari dello spaccio arrestati al Brennero

Riportati in Austria

Brennero - Nel corso dei controlli effettuati dalla Polizia di Stato presso la Stazione Ferroviaria di Brennero, intensificati in vista delle Festività di Pentecoste, gli Agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Brennero, a bordo del Treno Internazionale “RAILJET 87” proveniente da Monaco di Baviera e diretto a Bologna, hanno deciso di sottoporre ad identificazione due soggetti che avevano assunto un atteggiamento sospetto, come a verificare gli spostamenti sul treno dei Poliziotti.

I FATTI
Durante il controllo documentale i due, che si esprimevano molto bene in lingua inglese, esibivano agli Agenti due Passaporti ed altri Documenti apparentemente rilasciati dalle Autorità della Slovacchia, nonché due Biglietti del treno per la tratta Innsbruck - Verona.

Da un accertamento più approfondito, eseguito negli Uffici del Commissariato – dove, nel frattempo, erano stati condotti i 2 individui – era possibile appurare come entrambi i Passaporti fossero falsi, nonché la vera identità di costoro, grazie alla comparazione delle impronte digitali: tali A.A.
e G.A.A., entrambi 29enni cittadini algerini, già clandestini nel nostro Paese ed assai conosciuti alle Forze di Polizia italiane per i numerosi e variegati precedenti penali e/o di Polizia dei quali potevano “vantarsi”, in particolare lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso della perquisizione effettuata a loro carico, addosso ai due algerini è stata rinvenuta una cospicua somma di denaro, ammontante complessivamente a circa 4.000 euro e 500 sterline: denaro che si ritiene i due avessero intenzione di utilizzare per acquistare sostanze stupefacenti da rivendere poi in Austria e in Germania.

Avendo entrambi fatto ingresso in Italia con Documenti falsi e, nella circostanza, essendo entrambi sprovvisti di validi documenti di identità – e, quindi, in stato di clandestinità nello Spazio Shengen – nonché sorpresi nella flagranza del reato di uso di atto falso, i due soggetti sono stati tratti in arresto.

Scarcerati quindi su indicazione della Autorità Giudiziaria, essi, come disposto dal Questore della Provincia di Bolzano Paolo Sartori, venivano immediatamente scortati al Confine del Brennero e riconsegnati alla Polizia Austriaca in regime di Riammissione di Frontiera.

I sistematici controlli stradali, autostradali e ferroviari effettuati dalla Polizia di Stato nella zona di pertinenza della Frontiera del Brennero – sia quelli congiunti posti in atto dalla PolFer e dalla Polizia Stradale con gli omologhi Reparti della Polizia Austriaca e di quella Tedesca, sia quelli effettuati dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Brennero – sono assai efficaci per monitorare i passaggi di confine ed evitare che stranieri non in regola con le norme europee sull’immigrazione, spesso pregiudicati, facciano clandestinamente ingresso in Italia per compiere reati – ha sottolineato il Questore Sartori –. In tale ottica, peraltro, un importante momento di confronto e di rafforzamento della collaborazione transfrontaliera hanno rappresentato i recenti incontri che ho avuto con i miei omologhi del Tirolo e della Baviera, con i quali sono state concordate le attività operative da pianificare per il prossimo futuro”.
Ultimo aggiornamento: 20/05/2024 09:20:47
POTREBBE INTERESSARTI
Bressanoine (Bolzano) - Servizio Straordinario di Controllo a Bressanone in occasione del "School Out". Ieri sera e...
Brescia - Baby rapinatore arrestato nella Bergamasca su disposizione del tribunale dei minorenni. I militari della...
In corso le indagini per ricostruire quanto accaduto
ULTIME NOTIZIE
L'inflazione ha ridotto del 15% il potere d'acquisto
Bene tra le donne Bruna Ferracane e tra gli uomini Paco Cottone, Marco Casagrande e Pietro Massini
Promossa da Asst di Valcamonica su quattro aree tematiche